Toscana
stampa

Route Agesci, la grande sfida: lasciare l'ambiente migliore di come è stato trovato

I primi ad arrivare a San Rossore per la route nazionale sono stati, martedì sera, gli scout Agesci della Sardegna. Da mercoledì mattina, poi, il grande flusso: chi in treno, chi in autobus, ha raggiunto Pisa, sostando per una foto sotto il celebre campanile di Bonanno pisano e dirigendosi verso il luogo dell’happenning.

Percorsi: Agesci - Ambiente
Parole chiave: Route nazionale (33)

Il benvenuto del primo cittadino di Pisa Marco Filippeschi: «Siamo molto contenti di poter ospitare questo appuntamento». Per lui la pres…enza degli scout a San Rossore è anche un «segnale di pace, solidarietà e spiritualità». Tutti valori di cui si sente un gran bisogno in questo momento storico.

Tra gli oltre 30mila capi, rover e scolte a San Rossore, anche 104 scout stranieri, provenienti da Austria, Burkina, Egitto, Francia, Islanda, Libia, Palestina, Portogallo, Spagna, Tunisia ed Ucraina. 330mila saranno i pasti distribuiti tra colazione, pranzo, cena dal 7 al 10 agosto. 800 i porta sacchi che saranno utilizzati per la raccolta differenziata, 7mila i sacchi trasparenti e riciclati. Gli scout avranno a disposizione 70 lavabi, mille docce e 1.500 bagni.

A loro è affidata una grande sfida, specie dopo le polemiche che hanno preceduto il maxiraduno nelle scorse settimane: lasciare l’ambiente migliore di come l’hanno trovato.

Media Gallery

Route nazionale Agesci - foto di gruppo sotto la Torre di Pisa
Route Agesci, la grande sfida: lasciare l'ambiente migliore di come è stato trovato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento