Toscana
stampa

Salvaguardia di api e altri insetti utili: gli strumenti messi in campo dalla Regione

Da sempre in prima linea nella salvaguardia della salute dei cittadini, dell’ambiente e delle produzioni agroalimentari, la Regione Toscana, grazie all’attenta applicazione delle norme comunitarie, nazionali e regionali concernenti la protezione delle piante, riesce a limitare ed ottimizzare l’utilizzazione di prodotti fitosanitari a tutto vantaggio della salubrità delle produzioni agricole e dell’ambiente e a tutela dei consumatori e cittadini toscani.

Parole chiave: apicoltura (1), miele (2)

La riduzione dell’impiego di prodotti agrochimici ed una loro corretta applicazione consente anche di salvaguardare le popolazioni di insetti utili all’agricoltura e che provocano l’impollinazione, a cominciare dalle api. I primi sono attivi nella limitazione delle specie dannose e i secondi, detti “pronubi”, sono indispensabili per l’impollinazione delle specie vegetali entomofile e, nel caso delle api, per la produzione di miele, propoli e pappa reale.

Molteplici gli strumenti messi in campo dalla Regione per la salvaguardia di queste specie, sia di tipo normativo che tecnico. Tra questi va ricordata in primo luogo la legge regionale 21/2009 che all’art.10 sancisce la tutela delle api e degli insetti pronubi dalle sostanze tossiche attraverso il divieto di trattamenti fitosanitari nel periodo della fioritura, sia per quanto riguarda le specie coltivate che quelle spontanee in prossimità delle colture da trattare.

I disciplinari di produzione integrata realizzati per 102 differenti colture presenti in Toscana, e approvati annualmente con delibera regionale, riportano le prescrizioni cui si devono attenere gli agricoltori che operano in regime di agricoltura integrata. In questo vademecum tecnico sono contenute le prescrizioni relative ai parassiti nei confronti dei quali è ammessa la difesa fitosanitaria, e quelle riguardanti i principi attivi ammessi, in quanto presentano un buon grado di efficacia sulla avversità target, ma con caratteristiche di bassa tossicità e di elevata selettività nei confronti delle specie utili. Inoltre sono specificate le fasi “fenologiche” delle colture nelle quali sono autorizzati eventuali interventi fitosanitari, e anche il numero massimo di trattamenti ammessi ogni anno.

A completamento degli strumenti finalizzati alla ottimizzazione delle tecniche di difesa fitosanitaria, dal 2001 viene costantemente monitorato lo stato fitosanitario delle principali colture regionali. Ogni settimana vengono emessi dei bollettini, inviati gratuitamente per e-mail e per sms agli utenti che ne fanno richiesta, che riportano l’andamento delle infestazioni e gli eventuali consigli di difesa. Insieme ai dati rilevati sono consultabili nel sito agroambiente.info del Servizio Fitosanitario Regionale, oltre che sul Teletext di RTV 38.

L’applicazione delle prescrizioni e dei consigli tecnici consente agli operatori di intervenire solo se necessario e nel momento ottimale per contenere la specie dannosa, limitando al massimo le ripercussioni negative sugli insetti utili.

Fonte: Comunicato stampa
Salvaguardia di api e altri insetti utili: gli strumenti messi in campo dalla Regione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento