Toscana
stampa

San Miniato, incontro sui cristiani in Iraq: viaggio nella Chiesa che soffre

Lo scenario di guerra che interessa il Medio Oriente da più di dieci anni e in particolare l’impatto sulle popolazioni cristiane sarà al centro dell’interessante incontro intitolato «Quale futuro per i Cristiani in Iraq», in agenda per giovedì 15 dicembre, a partire dalle 21,30 presso l’auditorium del Seminario Vescovile di San Miniato.

Locandina dell'incontro

L’incontro, introdotto dal vescovo mons. Andrea Migliavacca, vedrà la partecipazione di un sacerdote iracheno, don Karam Najeeb Yousif Shamasha, che porterà una testimonianza diretta della drammatica situazione che vive l’Iraq del dopo Saddam Hussein. «Aiutarli si può» è il titolo dell’intervento di Alessandro Monteduro,  Direttore nazionale Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, che offrirà spunti di riflessione e vie concrete per aiutare la popolazione martoriata da guerra e terrorismo.

Aiuto alla chiesa che soffre (ACS) è una fondazione di diritto pontificio, fondata nel 1947 fra le rovine e le devastazioni della seconda guerra mondiale dal sacerdote olandese padre Werenfried van Straaten. La peculiarità delle sue iniziative è portare soccorso alla Chiesa laddove la mancanza di mezzi economici o la violazione della libertà religiosa ne rendano difficile o impossibile la sua missione evangelizzatrice. L'opera è stata riconosciuta come fondazione di diritto pontificio da papa Benedetto XVI il 1º dicembre 2011.

L’incontro rientra nella serie di approfondimenti sul Medio Oriente e la pace organizzati dalla libreria al seminario, dall’ufficio comunicazioni sociali e cultura e dall’ufficio ecumenismo e dialogo interreligioso della diocesi di San Miniato, assieme a molti partner che fanno capo a diverso titolo alla chiesa locale.

Fonte: Comunicato stampa
San Miniato, incontro sui cristiani in Iraq: viaggio nella Chiesa che soffre
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento