Toscana
stampa

Shalom, rientrata delegazione dall’Iraq. Lanciata la campagna #adottauncampoprofughi

Un viaggio per conoscere, per capire e per «dare una mano». Questo il senso della visita di una delegazione di volontari del Movimento Shalom, guidata da don Donato Agostinelli, in Iraq. Il gruppo, che ha trascorso sei giorni ad Ankawa nella regione autonoma del Kurdistan, è entrato in contatto con una realtà complicata.

Parole chiave: Isis (46)
La delegazione del Movimento Shalom rientrata dall'Iraq

«La situazione è intricata e molto complessa, spiega Manola Polverosi di Castelfiorentino. È necessario, però, intervenire rapidamente per far fronte ai numerosi bisogni di migliaia di sfollati in fuga dall'Isis».

I miliziani di Abu Bakr al Baghdadi non sono lontani da Erbil, la città più importante del Kurdistan iracheno. I peshmerga difendono l'autonomia della regione (sostenuti dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti per combattere l'Isis) ma le incertezze sono tante. E secondo quanto emerso dall'incontro con il console Carmelo Ficarra, capo dell'ufficio distaccato dell'Ambasciata d'Italia a Erbil, non è al momento possibile prevedere quando tornerà la stabilità nel paese.

«Le persone che abbiamo incontrato in questi giorni - precisa Fabio Gargani di Ponsacco - stanno vivendo momenti drammatici, ma continuano a credere e a sperare di poter tornare nelle loro case».

Intanto il Movimento Shalom lancia una campagna di solidarietà #adottauncampoprofughi. «Siamo di fronte ad una grave emergenza umanitaria - puntualizza don Agostinelli - e abbiamo bisogno di inviare aiuti consistenti. Per questo lanciamo un appello alle persone di buona volontà, ma anche ad altre associazioni e alle istituzioni locali e regionali. Vogliamo alleviare la sofferenza dei cristiani, dei musulmani e degli yazidi che, ormai da mesi, vivono in condizioni ben oltre il limite della sopravvivenza».

L'idea è quella di inviare i fondi che saranno raccolti con la campagna di solidarietà al referente locale dell'associazione. Padre Firas Behnam Benoka, che conosce le reali esigenze degli sfollati, potrà così gestire i finanziamenti direttamente in loco.

«Il coordinamento degli sfollati non è solo complicato, ma richiede anche risorse ingenti. E la vita nel Kurdistian iracheno è sorprendentemente costosa, precisa Claudio Agostini di Castelfiorentino. La speranza, adesso, è che questo appello venga ascoltato». Perché, davvero, c'è bisogno della generosità di tutti.

Per chi volesse direttamente donare online con carta di credito http://donazioni.movimento-shalom.org/account/landing altrimenti è possibile fare un versamento sul cc postale n 11858560, indicando come causale: emergenza Iraq #adottauncampoprofughi

Fonte: Comunicato stampa
Shalom, rientrata delegazione dall’Iraq. Lanciata la campagna #adottauncampoprofughi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento