Toscana
stampa

Sicet: molti comuni toscani a tensione abitativa. Quasi 3 mila sfratti esecutivi nel 2011

Nel 2011 in Toscana 2973 famiglie hanno lasciato la casa in cui abitavano dopo l’atto di precetto notificato loro dall’ufficiale giudiziario. Le richieste di esecuzione di sfratto sono state molte di più, 13.461.

Percorsi: Casa - Toscana
Parole chiave: sicet (1)

In 9 casi su 10 le famiglie toscane sono sfrattate perché morose (a Firenze l’88% degli sfrattati sono morosi, a Pistoia il 96%, a Prato il 94%, a Pisa l’89%, ad Arezzo addirittura il 99%).  Lo ha detto Daniele Cosci, segretario regionale del Sicet, il sindacato degli inquilini della Cisl, in occasione del congresso che si tiene da questa mattina a Titignano di Cascina (Pisa).

La gente fa fatica a pagare il canone di locazione – ha commentato Daniele Cosci. E un motivo c’è: secondo uno studio del Sicet sui contratti a canone libero, dal 1999 al 2009 i canoni di locazione sono aumentati del 100%, a fronte di una inflazione stimata dall’Istat in + 20%.

Qualche esempio: a Firenze, nel 1999, per un alloggio di 4 o 5 vani e 80-90 mq di ampiezza, i canoni oscillavano tra le 900mila lire e un milione e 100mila lire mensili, mentre quelli stipulati nel 2009 variavano tra i 900 ed i  1.100 euro mensili.

A Pisa nel 1999 i canoni pagati dal locatario per un alloggio di pari dimensioni oscillavano tra le 700mila lire ed il milione di lire al mese, i canoni richiesti lo scorso anno oscillavano, invece, tra le 750 e le 850 euro.

Secondo Cosci «molti dei comuni della nostra regione sono a “tensione abitativa”. Eppure il 16% degli alloggi, circa 290mila, sono tenuti vuoti e non sono utilizzati».

Sicet: molti comuni toscani a tensione abitativa. Quasi 3 mila sfratti esecutivi nel 2011
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento