Toscana
stampa

Simoncini: «Salvare Prato vuol dire rilanciare l’economia toscana»

«Non ci può essere ripresa della Toscana senza un rilancio e una valorizzazione del distretto di Prato». Nel caso che ci fossero dubbi l’assessore alle attività produttive e al lavoro della Toscana, Gianfranco Simoncini, lo ha ripetuto stamani intervenendo all’assemblea della Cna di Prato. Qualcuno aveva infatti parlato in queste settimane di un complotto. Il presidente degli artigiani ha spiegato di non crederci. «E che sia così – ha ribadito Simoncini – lo dimostrano i provvedimenti presi e quelli che a breve verranno»

Percorsi: Lavoro - Prato

La scorsa settimana la giunta regionale ha infatti finanziato con 200 mila euro tre iniziative pilota presentate dalla Camera di Commercio: uno studio sulle imprese, il welfare di distretto che consentirebbe di offrire servizi e convenzioni ai lavoratori alleggerendo la pressione fiscale (anche per le aziende) e una rete di di servizi per le aziende più piccole e meno attrezzate sul fronte dell’export. «Lunedì – annuncia l’assessore – porterò in giunta un altro progetto a supporto del cardato». C’è poi il progetto speciale che la Regione ha messo in campo di concerto con le associazioni di categoria, le cui priorità per i prossimi due anni saranno definite dalla giunta a luglio.

Un piano nazionale per sostenere ripresa e sviluppo – La crisi morde e la Toscana fa la sua parte: per affrontare le non poche crisi aziendali e soprattutto per sostenere ripresa e sviluppo. «Ma non basta – dice l’assessore –. La Regione da sola non può farcela e serve una politica nazionale». A Prato oggi c’era anche il sottosegretario Fassina. «Al governo – spiega meglio – chiediamo una svolta e tre cose: riduzione della pressione fiscale, sostegno all’accesso al credito per le imprese e politiche per la competitività. In aggiunta a quello che già facciamo noi».

Imprese artigiane tra le più colpite – Le imprese piccole e piccolissime, che costituiscono il 98% del tessuto produttivo toscano ed occupano il 70% dei lavoratori, sono le più colpite dalla crisi, anche se sono quelle di cui si parla di meno. E questo vale anche per Prato. Simoncini cita un dato: a metà del 2012 le aziende artigiane di tutta la Toscana sono scese sotto quota 10 mila, 1534 unità in meno rispetto a sei anni prima. A Prato il primo trimestre del 2013 si è chiuso con una contenuta flessione, più accentuata nel tessile (-2,1% di aziende) e con segnali di rallentamento anche tra le imprese cinesi. Chiudono in particolare le aziende edili (-4,8%) e sopratutto quelle piccole e piccolissime. Vanno bene invece le aziende che puntano su qualità e innovazione e su questo fronte, per l’assessore, occorre spingere e lavorare.

Seicento milioni in due anni - Solo negli ultimi due anni la Regione ha messo a disposizione del sistema delle imprese di tutta la Toscana 597 milioni. «Negli ultimi quattro il 70% è stato destinato a ripresa e sviluppo – ricorda Simoncini – . Altri 233 milioni sono stati impegnati per fondi di garanzia e interventi di ingegneria finanziaria che hanno attivato investimenti per dieci volte tanto». L’elenco è lungo: dagli aiuti su ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico agli incentivi per internazionalizzazione o le assunzioni. Entro l’estate uscirà un nuovo bando per le reti di impresa, che si aggiunge ai due passati. Cento progetti di pmi sono stati finanziati a maggio con oltre 3 milioni. E poi c’è il sostegno al credito e la compartecipazione, dal 2010, al finanziamento degli ammortizzatori in deroga per 75 milioni. Perché crisi vuol dire anche emergenza occupazionale e «forte è l’impegno della Regione – conclude Simoncini – per garantire la tenuta sociale». Anche se, tutto sommato, la Toscana va da questo punto di vista meglio di altre regioni e Prato dimostra numeri migliori della media regionale.

Fonte: Comunicato stampa
Simoncini: «Salvare Prato vuol dire rilanciare l’economia toscana»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento