Toscana
stampa

Suvignano, firmato protocollo. Progetto pilota per Toscana libera da mafie

Presto il più importante bene sottratto alla criminalità in Toscana avrà una gestione libera dalle mafie. È quanto prevede il protocollo relativo alla tenuta agricola Suvignano (Siena) sottoscritto oggi pomeriggio a Roma. Una storia iniziata con il sequestro di Giovanni Falcone

Suvignano, firmato protocollo. Progetto pilota per Toscana libera da mafie

A sottoscrivere il documento la Regione Toscana, rappresentata dall'assessore alla sicurezza e cultura della legalità, Vittorio Bugli, il viceministro per le Politiche agricole Andrea Olivero, con delega in materia di agromafie e i sindaci dei Comuni di Monteroni d'Arbia Gabriele Berni e di Murlo, Fabiola Parenti, sui cui territori ricade la tenuta e che da oggi ne sono gli assegnatari designati.

Il protocollo, che dura cinque anni ed è rinnovabile, prevede che Suvignano sia oggetto di un progetto pilota di agricoltura sociale, un modello innovativo di impresa per la gestione dei beni confiscati alla criminalità, che potrà rappresentare il prototipo per altri interventi di questo tipo in Italia.

Tra gli elementi fondanti figurano infatti la dimensione etica e sociale, il perseguimento di obiettivi occupazionali e di inserimento sociale, la sostenibilità economica, ambientale e sociale, il coinvolgimento delle reti locali, la promozione degli aspetti educativi. Ma come verrà riconvertita la struttura? Nel suo futuro c'é un'impresa agricola gestita preferibilmente da un sistema cooperativo in grado di realizzarvi un polo produttivo, di allevamento e di trasformazione con allevamenti di ovini e suini, un caseificio, un laboratorio per la lavorazione delle carni, ma anche allevamenti di cavalli, capre ed asini. La produzione agricola sarà mista: vino, olio, ma anche orzo destinato ad alimentare un birrificio locale, farro per u a corretta rotazione biologica e ortofrutta da lavorare e confezionate sul posto e da vendere sia alla grande distribuzione sia attraverso la filiera corta e i mercati alternativi come i Gas (gruppi di acquisto solidale) o i farmers market o all'interno del punto vendita aziendale che sarà aperto nella ex cantina.

Suvignano diventerà anche un polo agrituristico. I posti letto passeranno infatti dagli attuali 38 a 65 con pensione completa. Sarà insomma un'azienda agricola multifunzionale, in grado di produrre lavoro e utili, e di offrire nuovi servizi proponendosi anche come polo ricreativo e didattico grazie al previsto museo simbolo dei beni confiscati alle mafie, un centro per l'organizzazione di eventi, un laboratorio didattico e per la sperimentazione delle colture e in ultimo un'attività faunistica venatoria che utilizzi i 260 ettari che ricadono in ambito faunistico venatorio e almeno un paio dei laghetti presenti nella proprietà per la pesca sportiva.

L'accordo affida il monitoraggio ed il controllo su Suvignano al tavolo tecnico che è stato istituito e che è composto da un rappresentante ciascuno per il Ministero, la Regione e il Comune di Murlo, e da tre rappresentanti che saranno nominati dal Comune di Monteroni d'Arbia sul cui territorio insiste la maggior parte della tenuta.

LA SCHEDA

La tenuta di Suvignano faceva parte del patrimonio del costruttore siciliano Vincenzo Piazza amministrato dall'immobiliare Strasburgo.

Acquistata fra la fine degli anni settanta e l'inizio degli ottanta dal costruttore palermitano, l'azienda, diventa il simbolo di quell'idea che è alla base dell'azione antimafia.

Fu sequestra una prima volta nel 1983 da Giovanni Falcone che sospettava rapporti dell'imprenditore con Cosa Nostra. Successivamente tornò in possesso di Piazza. Tra il 1994 e il 1996, con il suo arresto per associazione mafiosa, avvenuto proprio a Suvignano, i magistrati siciliani gli sequestrarono beni per 2.000 miliardi di lire, affidandoli a un amministratore giudiziario.

Nel 2007, quando la sua condanna è passata in giudicato, tutti i suoi beni sono stati definitivamente confiscati. Con essi anche Suvignano che da 11 anni era in attesa di trovare una destinazione.

Fino ad oggi l'azienda, guidata dal 1993 da un amministratore giudiziario, ha avuto una gestione sostanzialmente conservativa.

Ricade per 685 ettari nel Comune di Monteroni e per quasi 18 in quello di Murlo. Sono in zone prevalentemente collinari (80% contro il 20% di pianeggianti) destinate a seminario per 527 ettari, con 78 ettari di bosco, 69 incolti, 19 a imboschimento, 4,8 ad uliveto e 3,3 a pascolo. Per circa 260 ettari ricade all'interno di un'azienda faunistico venatoria.

L'azienda dispone di una notevole quantità di acqua grazie a corsi d'acqua e laghi artificiali. All'interno del corpo aziendale sono presenti 17 case coloniche che hanno una superficie complessiva di 11.600 metri quadrati e magazzini per 9.370 metri quadrati.

Fonte: Comunicato stampa
Suvignano, firmato protocollo. Progetto pilota per Toscana libera da mafie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento