Toscana
stampa

Terremoti: Rossi, dobbiamo conviverci ma anche essere attrezzati

«Con il terremoto dobbiamo convivere. E' una constatazione scomoda ma ineludibile. Ma dobbiamo attrezzarci per farlo nel modo migliore possibile. Per questo siamo qui oggi e insieme al prefetto Gabrielli abbiamo reagito subito all'appello lanciato dal sindaco di Fivizzano, per fare sul posto il punto della situazione e organizzare la presenza dello Stato e delle istituzioni nei luoghi colpiti dalle scosse sismiche che continuano a verificarsi». Lo ha detto oggi a Fivizzano il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, incontrando insieme a Franco Gabrielli i sindaci dei comuni colpiti dal terremoto in Lunigiana. Entrambi si sono poi spostati in Garfagnana a Minucciano.

Parole chiave: enrico rossi (422)

«Tra le esigenza principali - ha proseguito il presidente - insieme a quella di una corretta informazione ai cittadini (vanno dette le cose come stanno, per evitare reazioni dominate dalla paura, e sollecito il dipartimento della Protezione civile a farlo) c'è quella di consentire loro di rientrare in case sicure. Per ora possiamo contare su 3 milioni che lo Stato ci ha dato (su 5 richiesti, un segno di attenzione che ci fa sentire meno soli), cui si aggiungono 500.000 euro che la Regione aveva già messo a disposizione nelle primissime ore per l'emergenza. Questo consente di pagare le attività di soccorso avviate nell'immediato e di progettare interventi di urgenza per l'incolumita' della vita pubblica in Lunigiana e Garfagnana». Ma sono necessari altri fondi per finanziare la ricostruzione stimata ad ora in almeno 55 milioni di euro, ma la verifica dei danni è ancora in corso.

Fonte: Asca
Terremoti: Rossi, dobbiamo conviverci ma anche essere attrezzati
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento