Toscana
stampa

Terremoto: D'Angelis, i pochi danni sono lezione antisismica all'Italia

Il Sottosegretario D'Angelis a Fivizzano ricorda che nel «Decreto del Fare» ci sono 300 milioni per la sicurezza delle scuole, 100 milioni per i piccoli Comuni. Da estendere l'EcoBonus al 65% per ristrutturazioni di case sicure.

Parole chiave: Erasmo D'Angelis (4)

«I pochi danni subiti in Garfagnana e Lunigiana con la forte scossa di terremoto di magnitudo 5.2 sono una lezione all'Italia: quando si ricostruiscono paesi crollati rispettando le regole antisismiche con rigorosi controlli, cosa accaduta in queste zone dopo il sisma del 1995, i rischi diminuiscono radicalmente e non si piangono morti e feriti. Il Governo può solo ringraziare cittadini, sindaci, volontari e protezione civile per quanto stanno facendo e continueremo a monitare la situazione fino al cessato allarme. Anche per questo è finita la stagione delle lacrime di coccodrillo sparse dopo ogni catastrofe. Siamo un Paese in grado di lanciare un vero piano di prevenzione sismica per salvare beni e vite umane oggi pericolosamente a rischio, è anche il modo per ridare ossigeno al settore dell'edilizia in crisi». Così il Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D'Angelis al termine del sopralluogo di stamattina a Fivizzano.

"Il Governo - continua D'Angelis - si è già mosso sulla strada della prevenzione per evitare di continuare a staccare assegni da circa 5 miliardi di euro l'anno per risarcimenti e riparazione danni da carastrofi, come accade dal 1945 ad oggi. Ci siamo mossi in tre direzioni: l'estensione dell'ecobonus, assolutamente da portare al 65%, inserito nel Decreto del Fare per la prima volta anche agli interventi di ristrutturazione antisismica nel 75% del territorio nazionale che la protezione civile certifica a medio-elevato rischio; i 300 milioni recuperati dal Ministero delle Infrastrutrure per la messa in sicurezza dell'edilizia scolastica più altri 100 milioni per i piccoli Comuni. Altre risorse possono essere recuperate da fondi europei e regionali per arrivare a quel che serve per la sicurezza dai terremoti e avvicinarci a realtà come la California o il Giappone, e cioè tra i 2 e i 4 miliardi l'anno per i prossimi venti anni. Alla parola "costi" - conclude il Sottosegretario - che da sempre accompagna gli interventi di difesa dai grandi rischi, sostituiamo la parola "investimenti” che creano anche occupazione, innescando economie territoriali e qualità".

Fonte: Comunicato stampa
Terremoto: D'Angelis, i pochi danni sono lezione antisismica all'Italia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento