Toscana
stampa

Tragedia di Vaiano, mons. Agostinelli: «Basta situazioni che ledono leggi, sicurezza e diritti»

In un incendio a Tignamica (frazione di Vaiano), le cui cause sono ancora da accertare, sono morti due cittadini cinesi, un uomo e una donna. Sulla vicenda è intervenuto il vescovo di Prato, mons. Franco Agostinelli.  

L'incendio a Tignamica

«Piangiamo due morti, deceduti in circostanze drammatiche tra le nostre case. La morte di due cittadini cinesi ci ricorda che siamo tutti uguali, nella comune umanità, di qualunque colore sia la pelle». È il commento espresso da mons. Franco Agostinelli, vescovo di Prato, alla notizia della morte di un uomo e una donna, rimasti uccisi nell’incendio che questa mattina si è sviluppato in una palazzina alla Tignamica, frazione del Comune di Vaiano in provincia di Prato.

«Le cause dell'incendio che ha interessato l'abitazione a La Tignamica – afferma mons. Agostinelli – sono ancora in corso di accertamento. Si ripropone in ogni caso la promiscuità tra abitazioni e laboratori di confezione, gestiti perlopiù da cittadini di origine cinese, ancora gravemente diffusa nei nostri quartieri. 

Due anni fa questa situazione fu denunciata con risolutezza e parole inequivocabili anche da Papa Francesco, durante la sua visita a Prato.  Non poco è stato fatto in questi anni per prevenire e reprimere. Ma, con tutta evidenza, c'è ancora molto da fare. È questa una delle emergenze del nostro territorio, a cui dare, con effettiva priorità, risposta. Non possiamo continuare a tollerare situazioni che ledono così palesemente leggi, sicurezza, diritti», conclude il Vescovo di Prato.

Fonte: Comunicato stampa
Tragedia di Vaiano, mons. Agostinelli: «Basta situazioni che ledono leggi, sicurezza e diritti»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento