Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

«Se siamo qui è anche grazie a quanti ci hanno preceduto nel cammino, scegliendo la via del perdono e spendendosi per rispondere alla volontà del Signore: che tutti siano una sola cosa». Lo ha detto il Papa, durante l'incontro ecumenico (testo integrale), in occasione del 70° anniversario dell'istituzione del Consiglio ecumenico delle Chiese.

«Oggi siamo onorati che Sua Santità, Papa Francesco, abbia deciso di visitare il Consiglio ecumenico delle Chiese in questa occasione. Oggi stiamo superando una pietra miliare nel nostro viaggio. È un giorno per cui molte persone in tutto il mondo hanno pregato e che hanno desiderato». Si è aperto così il discorso pronunciato dal rev. Olav Fykse Tveit, segretario generale del Wcc, all'incontro ecumenico che si sta svolgendo a Ginevra alla presenza di Papa Francesco.

«Siate contenti e siatelo insieme». È l'invito che il vescovo Franco Agostinelli ha rivolto ai bambini presenti questa mattina in piazza Duomo per partecipare alla festa diocesana degli oratori estivi.  Accompagnati dai parroci e dagli animatori in oltre cinquecento hanno cantato e ballato a ritmo di musica grazie alle animazioni proposte dalla parrocchia di San Paolo. 

Dopo la preghiera ecumenica di questa mattina, il Papa si è trasferito all'Istituto ecumenico di Bossey, a 18 chilometri dal Centro ecumenico del Wcc a Ginevra. È questo il luogo scelto per il pranzo con la leadership del World Council of Churches e con il card. Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani.

«L’ecumenismo è “una grande impresa in perdita”. Ma si tratta di perdita evangelica, secondo la via tracciata da Gesù». Lo ha detto Papa Francesco durante la preghiera ecumenica (testo integrale), nel Centro Ecumenico di Ginevra, dinanzi a circa 230 persone, appartenenti al Wcc, nel 70° di questo organismo ecumenico.

«Essere una voce profetica nel mondo di oggi, uno strumento della missione di Dio per la riconciliazione e la guarigione, per la giustizia e la pace, lavorando e progredendo insieme per adempiere la volontà di dio con i cristiani e con persone di altre comunità di fede in tutto il mondo». Con queste parole, pronunciate dalla moderatora la teologa anglicana, originaria del Kenya, Agnes Aubom, il Consiglio ecumenico delle Chiese (Wcc) ha accolto questa mattina Papa Francesco nella cappella del Centro ecumenico di Ginevra per a preghiera ecumenica.

Si è tenuta oggi, 20 giugno, la consueta giornata sacerdotale diocesana, un appuntamento che ogni anno, prima dell’inizio delle attività estive delle parrocchie e delle comunità, l’arcivescovo di Lucca Castellani propone a tutto il clero della Diocesi lucchese. Il vescovo ha informato sul fatto di aver già inviato al Santo Padre, ormai nella prossimità del compimento del 75° anno che sarà il 1 luglio, la lettera con la quale rimette, norma del Diritto, il mandato ricevuto per il governo e la guida della diocesi