Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

È il presidente della Repubblica del Bangladesh, Abdul Harmid, nel discorso di benvenuto al Papa Francesco ad usare per la prima volta nel corso di questo viaggio in Asia del Papa la parola «rohingya». «È nostra comune responsabilità - ha detto Harmid - assicurare loro un ritorno a casa sicuro, sostenibile e dignitoso e un’integrazione nella vita sociale, economica e politica del Myanmar». 

«Siete nel pieno della giovinezza, non lasciatevela intristire, anzi fate fiorire tutta la creatività, propria di questa età, per scoprire o inventare nuove strade per portare il Vangelo nelle famiglie degli italiani». Sono gli speciali auguri del Papa per i 20 anni della trasmissione televisiva «A sua immagine», iniziata nell’autunno del 1997.

«Sono belli i vostri passi, ed è bello e incoraggiante vedervi, perché ci recate il lieto annuncio della vostra gioventù, della vostra fede e del vostro entusiasmo». È il saluto del Papa ai giovani, nell’omelia della Messa a loro dedicata nella St. Mary’s Cathedral di Yangon, momento conclusivo della tappa in Myanmar.

Quale dialogo in una società multireligiosa? Sabato 2 e domenica 3 dicembre seminario alla Villa del Palco dedicato alla conoscenza dei nuovi movimenti religiosi con Raffaella Di Marzio, esperta di sette e spiritualità alternative.

«Il nostro incontro è un’importante occasione per rinnovare e rafforzare i legami di amicizia e rispetto tra buddisti e cattolici». Lo ha detto il Papa, nel discorso (testo integrale) pronunciato durante l’incontro con il Consiglio supremo «Sangha» dei monaci buddisti, al Kaba Aye Center di Yangon, uno dei templi buddisti più venerati dell’Asia sudorientale.

Per essere «testimoni della riconciliazione e della pace», bisogna saper dire no alla vendetta e sì al «balsamo della misericordia». È la ricetta per sanare le «ferite della violenza, sia visibili che invisibili», frutto di un conflitto durato 50 anni che Francesco ha indicato nell'omelia della Messa (testo integrale) celebrata al Kyaikkasan Ground di Yangon, davanti a centinaia di migliaia di fedeli.