Vita Chiesa

Vita Chiesa stampa

Aprendo ieri pomeriggio alla Università Gregoriana di Roma il convegno internazionale sulla «dignità del minore nel mondo digitale», il Segretario di Stato vaticano ha confermato che dopo i «fatti molto gravi» emersi la Santa Sede intende impegnarsi «con chiarezza e fermezza, perché la dignità e i diritti dei minori siano protetti e difesi con molta più attenzione ed efficacia di quanto non si sia fatto nel passato».

A poco più di un anno al Sinodo dei vescovi «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale», la Pastorale giovanile di Grosseto pensa ad un cammino preparatorio dal basso. Il Sinodo, spiega don Stefano Papini, responsabile del servizio, si presenta «come una buona occasione per guardarsi dentro» e capire «come parlare oggi da giovani ai giovani di Gesù».

«Il Signore entra in pazienza… Entra in pazienza. È un esempio di cammino, non solo morire soffrendo sulla croce, ma camminare in pazienza». Lo ha detto il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, in cui sulla scorta delle letture del giorno ha meditato il mistero della passione e della croce.

Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, ha aperto, questo pomeriggio a Pistoia (Palazzo comunale – Piazza del Duomo), la 30ª edizione della Settimana teologica dedicata a «I linguaggi del divino», sottolineando come Papa Francesco stia richiamando «l’attenzione di tutti sul tema del linguaggio, ritenendolo uno strumento indispensabile per un rinnovato slancio che deve caratterizzare l’intera comunità ecclesiale».

In molti hanno provato  a leggere il pontificato  di Bergoglio in filigrana rispetto all’esperienza  del «poverello».  Le analogie  non mancano,  ma le semplificazioni sono rischiose.  La scelta francescana  non è vacuamente pauperistica: è l’innamoramento di chi si è sentito «rapire»  il cuore dal Signore e ha provato nostalgia di Dio. Da qui derivano l’amore per il creato, l’attenzione ai poveri, agli indifesi. Non è filantropia, né buonismo: è Vangelo