Vita Chiesa
stampa

Azione cattolica: messaggio al Paese, «associazione popolare in cammino verso tutte le periferie». Eletto il Consiglio nazionale

«L’Azione cattolica, con i suoi 150 anni di storia, è parte significativa della memoria collettiva del passato, vive i fermenti del presente, contribuisce a costruire il futuro del Paese». Lo si legge nel «Messaggio al Paese», testo che conclude l’Assemblea nazionale dell’associazione, svoltasi dal 28 aprile al 1° maggio alla Domus Pacis di Roma, preceduta da un incontro del Forum internazionale associativo con il Papa il 27 aprile e comprendente un nuovo incontro con il Papa, in piazza San Pietro, domenica 30 aprile.

Percorsi: Azione Cattolica
L'Assemblea dell'Azione cattolica (Foto Sir)

«È alla Chiesa tutta, e al Paese intero, che ci rivolgiamo al termine di questa Assemblea nazionale. Non con un appello che impegna altri a fare, ma – si legge nel documento – con una promessa che impegna noi stessi. La promessa di restare pienamente innervati nel cuore dei nostri territori, nella vita delle parrocchie, soprattutto nella vita concreta delle persone che camminano con noi in questa parabola complessa ma affascinante della storia». «Voglio un’Azione cattolica tra la gente, nella parrocchia, nella diocesi, nel Paese, nel quartiere, nella famiglia, nello studio e nel lavoro, nella campagna, negli ambiti propri della vita», ha detto Bergoglio all’Ac. «Con questo stile popolare desideriamo aiutare le nostre Chiese locali a prendere sul serio l’Evangelii gaudium, per tradurla in concreto in ciascun contesto». Il Messaggio (disponibile su http://xviassemblea.azionecattolica.it ) ricorda il compito educativo dell’Ac, il profilo popolare e democratico dell’associazione.

«Ci impegniamo per ricucire un’Italia lacerata da tante divisioni. Il nostro impegno è prima di tutto personale, verso tutte le donne e gli uomini del nostro tempo». «Il nostro impegno si fa comunitario: vogliamo abitare i luoghi della vita sociale e civile del Paese, e per questo accogliamo l’invito dei vescovi italiani a esercitare il discernimento come ‘quel processo che porta a riconoscere il bene e induce a prendere parte, a non cercare il quieto vivere e il conforto dell’abitudine, a non essere spettatori ma corresponsabili del bene comune’».

Un pensiero conclusivo è rivolto «ai fratelli e alle sorelle, agli adulti, ai giovani e ai bambini di ogni nazionalità e di ogni religione che ogni giorno rischiano la vita nel Mediterraneo».

Tra gli adempimenti associativi, oltre al voto del Documento programmatico per il prossimo triennio, anche l’elezione dei componenti del nuovo Consiglio nazionale. Per il settore Adulti: Anna Maria Basile (diocesi di Andria), Nicola De Santis (Cosenza-Bisignano), Renato Meli (Ragusa), Paola Panzani Paola (Milano), Pierpaolo Triani (Piacenza-Bobbio), Lucio Turra (Vicenza), Maria Grazia Vergari (Otranto). Per il settore Giovani: Luisa Alfarano (Locri-Gerace), Gioele Anni (Lodi), Michele Azzoni (Venezia), Sara Falco (Nola), Sonia Rotatori (Senigallia), Michele Tridente (Tursi-Lagonegro), Sara Vielmi (Reggio Emilia-Guastalla). Per l’Azione cattolica dei ragazzi – Acr): Anna Maria Bongio (Como), Claudia D’Antoni (Cefalù), Emanuele Lovato Emanuele (Verona), Luca Marcelli (Ascoli Piceno), Matteo Sabato (Brindisi-Ostuni), Maria Rosaria Soldi (Napoli), Maurizio Tibaldi (Alba).

Azione cattolica: messaggio al Paese. Eletto il Consiglio nazionale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento