Vita Chiesa
stampa

Buddisti e cristiani: mons. Bianchi, «Imparare a vivere insieme»

Buddisti e cristiani insieme per contribuire a promuovere la pace tra gli individui e i popoli. Per dire che anche un Paese come l’Italia è destinata a “pensarsi al plurale” e in questa pluralità i credenti possono spargere semi di accoglienza e amicizia. Dopo dieci anni, rappresentanti della Chiesa cattolica e delle diverse tradizioni buddiste tornano ad incontrarsi. È successo oggi all’Università Urbaniana di Roma dove il Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso in collaborazione con l’ufficio nazionale per l’ecumenismo e il dialogo della Conferenza episcopale italiana, ha promosso un colloquio dal titolo “Pace interiore, pace tra i popoli”

Parole chiave: dialogo (283)

L’incontro è iniziato con due minuti intensi di silenzio e di preghiera e con l’accensione della tradizionale lampada della pace alla quale i rappresentanti della Chiesa cattolica, monaci e monache delle diverse tradizioni buddiste hanno posto una candela accesa. “Sono certo - ha detto il cardinale Jean Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso - che le nostre parole, i nostri pensieri, i nostri gesti di pace contribuiscono a favorire una mentalità di pace e di incontro. L’ignoranza, la paura, l’ostilità, i pregiudizi, l’individualismo, l’esclusione, la violenza spargono i semi della divisioni nel mondo”. È questo il ruolo che le religioni possono svolgere, quello di “favorire l’incontro, superare i pregiudizi e creare amicizie nuove”.

In un tempo poi in cui «la mobilità e le comunicazioni hanno reso le differenze culturali e religiose sempre più vicine» «siamo quasi destinati ad incontrarci, ad interagire e a convivere», ha detto monsignor Mansueto Bianchi, vescovo di Pistoia e presidente delle commissione episcopale per l'ecumenismo e il dialogo della Cei.

«Si tratta allora - ha aggiunto il vescovo italiano - di fare di questa coabitazione frutto della storia della modernità e delle dinamiche migratorie una convivenza. Dobbiamo imparare a vivere insieme e i credenti possono offrire il loro contributo». «L'uno accanto all'altro», davanti «ai grandi problemi e alle grandi domande del mondo contemporaneo», buddisti e cristiani condividono «la preoccupazione per il futuro, la sollecitudine per le nuove generazioni, la custodia del creato, la difesa della pace nei cuori e nei rapporti tra i popoli». «Si tratta - ha concluso il vescovo - di fondare un nuovo umanesimo per il terzo millennio e le religioni con le loro tradizioni e le loro risorse rappresentano una riserva di umanità, di valori, di apertura al trascendente che possono contribuire a questa rifondazione».

Fonte: Sir
Buddisti e cristiani: mons. Bianchi, «Imparare a vivere insieme»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento