Vita Chiesa
stampa

Carcere Larino: mons. De Luca (vescovo), «Nessuna rivolta o boicottaggio»

«Nessuna rivolta, ribellione o boicottaggio», ma volontà di «dare risposta ad un'inquietudine positiva» nei confronti delle parole di un Papa che «ha scosso le coscienze», con la scomunica ai mafiosi del 21 giugno a Cassano all'Jonio.

Percorsi: Carceri - Mafia - Papa Francesco

Monsignor Gianfranco De Luca, vescovo di Termoli-Larino, si dice «sconcertato» del modo in cui alcuni organi di stampa hanno riferito della Messa da lui celebrata ieri nella sezione di alta sicurezza del carcere di Larino, dove sono ospitati circa 200 mafiosi legati alla ‘ndrangheta, e dunque direttamente colpiti dalla scomunica di Papa Francesco.

«Se il Papa ha detto che siamo scomunicati, che cosa significa per noi? Ci possiamo stare a messa? Possiamo fare la comunione?». Queste, riferisce al Sir il presule, gli interrogavi posti dai carcerati al cappellano, don Marco Colonna, che per approfondire il significato della scomunica papale ha invitato il vescovo a celebrare Messa nel penitenziario. «Vengo volentieri», la risposta del presule, che nell'omelia ha spiegato ai detenuti la definizione data dal Papa della mafia: «Adorazione del male». «Tu non stai con Dio, se adori un altro dio», ha detto il vescovo illustrando il senso della scomunica. Il fatto di essere scomunicati, tuttavia, «non impedisce un percorso di conversione, anzi al contrario lo sollecita: è un invito a prendere coscienza del buio per entrare nella luce», precisa il presule.

Fonte: Sir
Carcere Larino: mons. De Luca (vescovo), «Nessuna rivolta o boicottaggio»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento