Vita Chiesa
stampa

Caritas di Prato, il progetto «stili di vita» realizzato con gli studenti del «Gramsci-Keynes»

Si chiama «Stili di vita» il progettoche la Caritas diocesana di Prato ha proposto e realizzato con cinque classi dell'Istituto Gramsci-Keynes.

Fabio è andato insieme alla «Ronda della carità» a portare un panino, del caffè e un po' di conforto ai senzatetto alla stazione centrale; Rebecca ha prestato servizio al centro di ascolto Caritas; Matteo è andato ad aiutare i padri separati a Casa Betania; e poi tanti altri ragazzi e ragazze che nelle scorse settimane si sono impegnati alla mensa La Pira, all'Emporio, a Casa Aurora del Centro di aiuto alla vita e al Laboratorio Caritas. È il risultato del progetto dedicato agli «Stili di vita» che la Caritas diocesana di Prato ha proposto e realizzato con cinque classi dell'Istituto Gramsci-Keynes. «Inizialmente il programma prevedeva soltanto delle attività da compiere nelle ore di religione - spiega oggi Erika Carlesi, operatrice Caritas che ha seguito l'iniziativa - poi i ragazzi ci hanno chiesto in che modo potessero rendersi utili e noi siamo stati felicissimi di metterli alla prova».

Grazie alla collaborazione dei professori Giovanna Crucitti e Luca Cappelli gli studenti - di terza e di quarta - hanno avuto modo di capire che il cambiamento positivo della realtà circostante può passare anche dalla loro azione, per quanto piccola possa essere. «Si è trattato di un percorso teorico che aveva come obiettivo la consapevolezza di sé e del mondo in cui viviamo», chiarisce Erika. Poi, al termine degli incontri, è arrivata «l'azione».

Su 80 studenti coinvolti ben 50 si sono detti pronti a rimboccarsi le maniche, e a giudicare dalle loro parole l'esperimento è ben riuscito. «Penso che l'esperienza che stanno vivendo questi ragazzi sia molto positiva e s'inserisce perfettamente in quelle che il ministero chiama di educazione alla convivenza civile e democratica», sottolinea la preside Grazia Maria Tempesti. «Dedichiamo energie e risorse a questo tipo di progetti perché riteniamo molto importante lavorare con i giovani - afferma il direttore della Caritas Idalia Venco -; questo percorso è servito a far capire loro che certe situazioni di povertà che vedono solo in tv esistono realmente anche qui a Prato. Ma soprattutto hanno imparato che è possibile dare un contributo personale. Abbiamo gettato un seme, speriamo che possa diventare un albero e dare frutto». Ora la Caritas sta pensando a una proposta estiva per gli studenti delle scuole pratesi nella quale coinvolgere i ragazzi in azioni di volontariato.

Fonte: Sir
Caritas di Prato, il progetto «stili di vita» realizzato con gli studenti del «Gramsci-Keynes»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento