Vita Chiesa
stampa

Cei: comunicato finale, Papa Francesco concluderà l'Assemblea di maggio

«Sarà Papa Francesco a concludere la prossima Assemblea generale, offrendo il dono della sua parola e della sua disponibilità ai membri della Conferenza episcopale italiana». Lo rende noto il comunicato finale del Consiglio permanente della Cei, la cui sessione primaverile si è chiusa ieri a Roma.

Nel corso dei lavori sono stati approvati il tema principale («Verifica della recezione dell'Esortazione apostolica Evangelii gaudium») e l'ordine del giorno dell'Assemblea generale, che si svolgerà in Vaticano, nell'aula del Sinodo, da lunedì 18 a giovedì 21 maggio. Papa Francesco sarà anche a Firenze, al Convegno ecclesiale, martedì 10 novembre: alle 10, in Cattedrale, incontrerà i convegnisti e, alle 15.30, presiederà la Messa nello stadio comunale «Artemio Franchi». I vescovi hanno inoltre espresso «gratitudine e condivisione» al Papa «per aver voluto indire un Anno Santo della Misericordia». Tra gli altri adempimenti del Consiglio permanente, «sono state approvate le relazioni sulle attività delle dodici Commissioni episcopali», che hanno terminato il loro mandato quinquennale, ed è stata approvata «la proposta di ripartizione dei fondi otto per mille da presentare all'Assemblea generale». Al riguardo, «i vescovi hanno concordato sull'importanza di avviare una valutazione della situazione e delle prospettive degli Istituti diocesani di sostentamento del clero».

Il dramma della disoccupazione, la «tragedia della persecuzione che colpisce soprattutto i cristiani», l'educazione e il contrasto all'ideologia del gender. Sono alcuni degli argomenti affrontati dalla sessione primaverile del Consiglio permanente Cei. I vescovi - riporta il comunicato finale - esprimono «apprensione solidale per le tante persone senza lavoro» e «per i cristiani perseguitati e uccisi»; per questi ultimi hanno pregato martedì, nella Giornata in memoria dei missionari martiri. Circa la teoria del gender, questa - ha detto nella prolusione il cardinale presidente Angelo Bagnasco - «si nasconde dietro a valori veri - come parità, equità, autonomia, lotta al bullismo e alla violenza, promozione, non discriminazione… - ma, in realtà, pone la scure alla radice stessa dell'umano per edificare un ‘transumano' in cui l'uomo appare come un nomade privo di meta e a corto d'identità». Parole che hanno avuto «piena condivisione», «a fronte di una linea di pensiero che riduce l'identità sessuale a costrutti sociali. La preoccupazione aumenta davanti alla costatazione di come tale teoria si diffonda nelle scuole, spesso sottraendo a genitori ignari il diritto di educare i loro figli». Tra gli argomenti dibattuti, è stato inoltre deciso «di preparare una lettera pastorale» che «impegni la prossimità della Chiesa nel momento della sofferenza e del lutto», «prendendo spunto dalla prassi che si sta diffondendo circa le esequie in caso di cremazione».

«Aprire un tavolo di lavoro che rifletta su aspetti quali il modello logistico della parrocchia, la responsabilità del parroco e la gestione dei beni della comunità». Lo ha deciso il Consiglio permanente della Cei nella sessione primaverile. «Soprattutto - si legge nel comunicato finale - i vescovi avvertono quanto sia decisivo avviare percorsi virtuosi, processi che aiutino a concretizzare esercizi di comunione e a ridare dignità culturale al ministero sacerdotale, rendendolo capace d'interpretare questo tempo alla luce della fede». Nel corso dei lavori i presuli sono tornati sul tema della vita e della formazione permanente dei presbiteri, trattato già all'Assemblea generale dello scorso novembre ad Assisi, approvando «una griglia di lavoro, che verrà presentata all'Assemblea generale di maggio, nella prospettiva di dedicarvi nuovamente quella del 2016». «Condivisa - riporta il comunicato - è la necessità di una riforma della vita e dell'esercizio del ministero ordinato» con «una spiritualità attenta a favorire la crescita umana globale della persona», che si fonda in Gesù Cristo e si sviluppa «in una forte coscienza di appartenenza al presbiterio». I vescovi hanno rilevato pure l'esigenza di «sollevare il sacerdote dall'eccessivo carico burocratico che oggi rischia di opprimerlo», puntando «a una riorganizzazione complessiva, che comunque salvaguardi la trasparenza e la corretta destinazione dei beni, tutelando dai rischi di una cattiva amministrazione».

Fonte: Sir
Cei: comunicato finale, Papa Francesco concluderà l'Assemblea di maggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento