Vita Chiesa
stampa

Copercom: i cattolici chiamati a «rammendare il tessuto sociale dell’Italia»

Il cardinale Gualtiero Bassetti nella sua prima prolusione da presidente della Conferenza episcopale italiana ha usato l'immagine del «rammendare il tessuto sociale dell'Italia». Un invito che, a giudizio di Domenico Delle Foglie, presidente del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la comunicazione), è rivolto a tutti i cattolici chiamati a «una responsabilità altissima verso il Paese»

Percorsi: Cei - Gualtiero Bassetti
Parole chiave: cattolici (279)
Copercom: i cattolici chiamati a «rammendare il tessuto sociale dell’Italia»

L’auspicio espresso dal presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, nella sua prolusione al Consiglio permanente della Cei, «non è auspicabile che, nonostante le diverse sensibilità, i cattolici si dividano in cattolici della morale e cattolici del sociale», è accolto da Domenico Delle Foglie, presidente del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la comunicazione), come un impegno a «una narrazione pubblica rispettosa della stessa identità del cattolicesimo italiano».

Il presidente del Copercom, nel sottolineare l’affermazione del cardinale Bassetti che attribuisce ai cattolici «una responsabilità altissima verso il Paese», fa proprio del Copercom e delle sue 29 associazioni aderenti, l’invito a «essere capaci di unire l’Italia e non certo dividerla», a «difendere e valorizzare il sistema-Paese con carità e responsabilità». Infine assicura la collaborazione del Copercom a contribuire, attraverso i propri strumenti di comunicazione, a «rammendare il tessuto sociale dell’Italia con prudenza, pazienza e generosità».

Fonte: Comunicato stampa
Copercom: i cattolici chiamati a «rammendare il tessuto sociale dell’Italia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento