Vita Chiesa
stampa

Ecumenismo: Hilarion (Mosca), «Uniatismo resta ferita sanguinante»

“L’uniatismo resta una ferita sanguinante sul corpo del cristianesimo universale, come ci mostrano gli ultimi avvenimenti in Ucraina e le forti ed estremamente politicizzate dichiarazioni dei leader greco-cattolici, su questo argomento occorre ritornare”. Lo ha detto il presidente del Dipartimento per le Relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, Metropolita Hilarion, parlando in un’intervista rilasciata all’agenzia stampa russa Interfax e rilanciata dal Patriarcato di Mosca dei lavori della XIII sessione plenaria della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa. 

Percorsi: Ecumenismo - Ortodossi

L’incontro si è aperto lunedì scorso ad Amman (Giordania) e si concluderà il 23 settembre. Nell’intervista il metropolita russo ripercorre gli oltre 30 anni di lavoro della commissione e i documenti congiunti pubblicati in questi anni, tra cui il documento firmato nel 1993 a Balamand su “L’uniatismo come un metodo di unità del passato e la ricerca della piena unità nel presente”. “Purtroppo - ha aggiunto - questo documento, pur buono da un punto di vista teorico, non ha potuto risolvere i problemi nel rapporto tra ortodossi e greco-cattolici”, tanto che “l’aggravamento dei rapporti tra ortodossi e cattolici, avvenuto proprio in quel periodo, ha interrotto a lungo il lavoro della Commissione Mista, che è stato ripreso solo nel 2006”. 

Il rappresentante del Patriarcato di Mosca ritiene “importante che la Commissione riconsideri il tema dell’uniatismo, la cui discussione è rimasta incompiuta nel 2000, a causa delle forti divergenze tra le parti circa le conseguenze pastorali e canoniche dell’unione”. I lavori della Commissione hanno come oggetto l’esame di una bozza di documento, dal titolo “Sinodalità e Primato”, in cui - sottolinea Hilarion - “tra cattolici e ortodossi ci sono molte differenze”. “A nostro parere - fa sapere il rappresentante del Patriarcato di Mosca -, il risultato di questa riunione della Commissione mista dovrebbe essere non l’adozione di un documento di compromesso, ma piuttosto l’onesta e teologicamente corretta identificazione delle differenze tra la dottrina del primato e della sinodalità nelle due tradizioni, ortodossa e cattolica, e la ricerca delle cose comuni che possono essere la base per un ulteriore dialogo in futuro”. Nell’intervista, Hilarion sottolinea come l’incontro della Commissione mista si tiene in Medio Oriente, in un paese che confina, tra l’altro, con l’Iraq e la Siria. E quindi sentenzia: “Mentre noi discutiamo le nostre differenze teologiche, migliaia di cristiani - ortodossi, cattolici, protestanti - spargono il loro sangue per la fede in Cristo”. Un pensiero particolare viene poi rivolto al metropolita di Aleppo Paul, rapito un anno e mezzo fa, che era membro della Commissione, e al metropolita Mar Gregorios Ibrahim.

Fonte: Sir
Ecumenismo: Hilarion (Mosca), «Uniatismo resta ferita sanguinante»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento