Vita Chiesa
stampa

«Famiglia cristiana», 20% cattolici italiani si confessa di più, 78% ha compiuto gesti di solidarietà

L’Anno santo ha lasciato un segno nei credenti. Lo rivela un sondaggio dell’Istituto Demopolis, in edicola su «Famiglia cristiana» che glielo ha commissionato per sapere che cosa resta per i cattolici italiani del Giubileo della misericordia dopo la chiusura da parte di Papa Francesco della Porta santa, il 20 novembre scorso. 

Percorsi: Sacramenti
Confessione (Foto Sir)

Rispetto al passato, si legge in un comunicato di presentazione, i cattolici italiani «si sono confessati più frequentemente (per il 20 per cento del sondaggio), hanno compiuto maggiori gesti di solidarietà (il 78 per cento) hanno perdonato qualcuno (il 56 per cento) mentre un quarto degli intervistati dichiara di pregare di più». «Per i due terzi dei cattolici italiani», scrive Pietro Vento, direttore di Demopolis, nel commentare il sondaggio realizzato in collaborazione con la Cassa di risparmio di Cuneo, «il Giubileo della misericordia è stato un’occasione di profonda riflessione: utile anche per riaccendere l’attenzione della comunità dei fedeli e dell’umanità nel suo complesso sugli ultimi, i poveri e gli esclusi, per scuotersi dall’indifferenza e ricordare la centralità della misericordia e del perdono come dimensione essenziale della testimonianza cristiana». L’attenzione agli ultimi e alla sofferenza degli altri, indicata dal 72 per cento, e la cultura della misericordia, segnalata dal 65 per cento del campione rappresentativo dell’universo cattolico, rappresentano «il valore principale dell’Anno santo voluto da Francesco». Quasi otto su dieci intervistati hanno compiuto nel 2016 un gesto di solidarietà.

Fonte: Sir
«Famiglia cristiana», 20% cattolici italiani si confessa di più, 78% ha compiuto gesti di solidarietà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento