Vita Chiesa
stampa

Firenze, l'ausiliare Claudio Maniago nominato vescovo di Castellaneta

Mons. Claudio Maniago, finora ausiliare di Firenze, è il nuovo vescovo di Castellaneta, diocesi della Puglia che si estende in provincia di Taranto, Bari e Matera. L’annuncio della nomina da parte di Papa Francesco è stato dato oggi, in contemporanea, sia a Firenze che a Castellaneta.

L'annuncio della nomina dato a Firenze dal card. Betori

Guarda il video dell'annuncio e le prime parole di mons. Maniago

“In questa decisione del Santo Padre – ha detto il card. Giuseppe Betori nel suo discorso - possiamo riconoscere la stima, l’affetto e la fiducia di Papa Francesco verso Mons. Maniago. Una decisione che, posso attestare, viene a compimento di una costante attenzione che il Papa in questi mesi di pontificato ha mostrato verso don Claudio, come egli ama chiamarlo. Mi ha sempre chiesto di lui ogni volta che l’ho incontrato. Rinnovo la mia gratitudine verso Papa Francesco il quale, ancora una volta, compie un gesto di riconoscimento e valorizzazione della realtà ecclesiale e della qualità del clero dell’Arcidiocesi fiorentina. – ha aggiunto il card. Betori. Lo ringrazio, anche se questo significa che egli continua a privarmi dei miei più stretti e più bravi collaboratori. Ma gli obbediamo, nella convinzione che tutti dobbiamo cooperare al bene della Chiesa universale, servendo dove e come il Papa egli ci indica. Stima affetto e fiducia sono anche i sentimenti miei e della Chiesa fiorentina, di cui finora Mons. Maniago è stato al servizio con capacità e dedizione. Per questo a tali sentimenti si aggiungono anche profonda gratitudine e un certo dispiacere per dover perdere un così valido collaboratore. Ricordo i momenti essenziali di questo servizio, prima come educatore in Seminario e docente di liturgia, poi come pro-Vicario e quindi Vicario generale dell’Arcidiocesi. Ci mancheranno, e soprattutto mi mancheranno, - ha sottolineato il card. Betori - la competenza, la generosità e il senso ecclesiale con cui egli ha svolto queste funzioni. Ma era giusto che un Vescovo, ormai da quasi undici anni, potesse trovare una comunità tutta sua di cui dirsi Pastore. Questo è il senso della decisione del Papa, che ha fatto una scelta che allontana Don Claudio geograficamente, conducendolo in una terra, quella di Puglia, che in questi anni si è distinta tra le regioni italiane per essere all’avanguardia nella vitalità pastorale, come attestano ad esempio l’elevato numero di vocazioni al presbiterato e la compattezza del laicato organizzato. La terra di Puglia attende Mons. Maniago con gioia e affetto, come mi hanno attestato Vescovi di quella regione. L’affetto verso don Claudio resta ovviamente forte anche tra noi, che lo seguiremo con l’amicizia e con la preghiera.- ha concluso il card. Betori. Sono sentimenti che esprimo anche a nome di tutti i Vescovi della Toscana”.

Visibilmente emozionato, dopo un lungo applauso che ha seguito l’annuncio della sua nomina, mons. Claudio Maniago ha detto: “Esprimo la mia commozione e gratitudine per Papa Francesco che ha avuto davvero nei miei confronti un rapporto paterno chiamandomi sempre con affetto ‘don Claudio’. Sono onorato della fiducia che mi ha dato. Per me è una grande gioia essere il vescovo di Castellaneta  e sono desideroso di arrivare presto in mezzo al mio nuovo popolo”.

Mons. Claudio Maniago è nato a Firenze 1'8 febbraio 1959. Dopo l'esame di maturità classica al liceo Galileo di Firenze, entrò nel Seminario Maggiore, frequentando lo Studio Teologico Fiorentino. Trasferitosi a Roma fu alunno dell'Almo Collegio Capranica e conseguì la Licenza in S. Liturgia presso la Pontificia Università S. Anselmo.

È stato ordinato sacerdote il 19 aprile 1984 a Firenze, sua diocesi di incardinazione. Dopo l’ordinazione presbiterale ha ricoperto i seguenti uffici e ministeri: Rettore del Seminario Minore (1987-1994); Direttore del Centro Diocesano Vocazioni, Membro del Consiglio Pastorale diocesano e Assistente Ecclesiastico del Serra Club di Firenze (1987-2003); Cerimoniere Arcivescovile e Docente di Liturgia nella Facoltà Teologica dell'Italia Centrale (1988-2003); Direttore dell'Ufficio Liturgico della Curia (1991-2003); Membro della Commissione Ordinandi (1992-2003); Pro Vicario Generale e Moderatore della Curia (1994-2001); Canonico onorario della Cattedrale (1996-1999);  Canonico "de numero" (1999-2003);  Vicario Generale dell'arcidiocesi (2001-2003).

Il 18 luglio 2003 è stato eletto alla Chiesa titolare di Satafi e nominato Vescovo Ausiliare di Firenze. La sua consacrazione episcopale, per le mani del card. Silvano Piovanelli, è avvenuta 1'8 settembre dello stesso anno.

Attualmente è Segretario della Commissione Episcopale per la Liturgia della CEI, Vicepresidente del Centro di Azione Liturgica dal 2007. All’interno della Conferenza Episcopale Toscana ha ricoperto l’incarico di delegato per la liturgia e responsabile dell’Osservatorio Giuridico Legislativo dal 2005 e nel bienno 2013-2014 è stato membro del Consiglio di presidenza.

Regione_ecclesiastica_Puglia

La Diocesi di Castellaneta, che si estende per circa mille kmq, conta 123.330 abitanti suddivisi in 35 parrocchie. E’ suffraganea di Taranto. Dal momento del trasferimento di mons. Pietro M. Fragnelli alla sede di Trapani (24 settembre 2013), la Diocesi era retta da un’Amministratore diocesano, mons. Giuseppe Favale.

Il messaggio di mons. Maniago alla Diocesi di Castellaneta

"Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo. Rendo grazie continuamente al mio Dio per voi..." (1Cor1,3s)

 Carissimi fratelli e sorelle della Chiesa di Dio che è in Castellaneta: prendo in prestito le parole dell'apostolo Paolo per portarvi il mio primo saluto e per esprimere l'emozione e la gioia che ho nel cuore in questo giorno per me veramente benedetto dal Signore!

Sento l'emozione della una responsabilità a cui il Signore mi chiama affidandomi la Diocesi di Castellaneta attraverso il ministero del Santo Padre; a Papa Francesco, in questo momento, va il mio affettuoso pensiero carico di riconoscenza per la fiducia che mi ha voluto dimostrare e a lui garantisco insieme a tutti voi il costante e intenso ricordo nella preghiera a sostegno del suo prezioso ministero per la Chiesa e per il mondo intero.

Il mio cuore è anche colmo di gioia perché vi accolgo come un dono che viene ad arricchire la mia vita e il mio ministero episcopale. Vengo da una città famosa nel mondo per la sua bellezza e non vedo l'ora di essere fra voi per contemplare le tante bellezze naturali, culturali ed ecclesiali che arricchiscono la "nostra" diocesi di Castellaneta per poterne godere con l'impegno a valorizzarle secondo quanto il Signore ci farà capire.

In questo senso saluto con deferenza e stima tutte le autorità civili e militari presenti nel territorio della "nostra" Diocesi ringraziandole già per il loro servizio e assicurando fin d'ora la disponibilità ad una collaborazione fattiva e rispettosa.

Idealmente vi ho già presenti agli occhi del cuore e prego per voi, cari sacerdoti, indispensabili punti di riferimento per il Vescovo. A voi vanno le mie prime parole di saluto e di gratitudine: aiutatemi a guidarvi in un cammino alla luce della Parola di Dio, nel rispetto della storia della "nostra" Diocesi e nella comune passione, in un ministero che vogliamo vivere come autentico servizio al popolo di Dio che il Signore affida alle nostre cure pastorali. Accanto a voi vedo e saluto il diacono permanente e i carissimi seminaristi a cui prometto fin d'ora una particolare vicinanza nel loro delicato cammino di formazione e di discernimento.

Un saluto di vero cuore e un ricordo nella preghiera che chiedo di ricambiare con generosità, anche ai religiosi e alle religiose presenti nella Diocesi: a voi chiedo con forza di vivere con generosità quello che il Signore vi chiama ad essere nella sua Chiesa. Abbiamo bisogno del vostro carisma come segno concreto della presenza del Signore fra noi e come richiamo alla bellezza del suo Regno.

Un abbraccio paterno a tutti voi fratelli e sorelle nel Signore e nell'attesa di incontrare i vostri volti voglio rivolgermi in particolare ai poveri e alle persone sofferenti nel corpo e nello spirito, per assicurar loro la mia vicinanza e una benedizione particolare. Ma davvero non vedo l'ora di incontrare i giovani e di sperimentare il loro caldo entusiasmo, le famiglie con le loro gioie e le loro fatiche, gli anziani con la loro esperienza e la loro saggezza.

Cammineremo insieme, come popolo di Dio che è in Castellaneta, edificando la Chiesa, sposa di Cristo, in questa terra e in questo tempo, confessando Gesù Cristo Crocifisso e Risorto, nostro Signore e nostra salvezza.

Permettete che concluda queste parole di saluto rivolgendomi ai confratelli Vescovi della Puglia, iniziando dal presidente della Conferenza episcopale pugliese, S. Ecc. Mons. Francesco Cacucci e dal nostro metropolita S.Ecc Mons. Filippo Santoro: la stima e l'affetto che già mi lega a molti di loro diventa richiesta umile di vicinanza e di fraterno aiuto perché mi possa inserire in modo rispettoso e costruttivo in un contesto culturale ed ecclesiale che nella storia è stato plasmato dalla testimonianza di tanti Santi e da un popolo che ha vissuto con semplicità e fedeltà il vangelo del Signore. Ringrazio anche Mons. Giuseppe Favale per il suo prezioso servizio alla Chiesa di Castellaneta in questo delicato momento di transizione e invio un fraterno saluto al Vescovo Pietro Maria Fragnelli che mi ha preceduto alla guida di questa Docesi.

Affido il mio impegno a spendere senza riserve in mezzo a voi i due spiccioli della mia povera persona per guidare la Diocesi di Castellaneta, al sostegno materno di Maria che spero di venerare presto nei nostri Santuari e alla intercessione dei  nostri santi patroni S. Nicola e S. Francesco da Paola.

Vi benedico tutti di vero cuore.

+ Claudio Maniago , vescovo eletto

Firenze, l'ausiliare Claudio Maniago nominato vescovo di Castellaneta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento