Vita Chiesa
stampa

Francesco, Angelus: «Questo è il grande tempo della misericordia»

«Ringrazio con voi il Signore per queste creature e per ogni nuova vita. A me piace battezzare bambini. Mi piace tanto! Ogni bambino che nasce è un dono di gioia e di speranza, e ogni bambino che viene battezzato è un prodigio della fede e una festa per la famiglia di Dio». lo ha detto ieri mattina Papa Francesco, prima di guidare la recita dell'Angelus, ricordando di avere battezzato trentadue neonati.

Percorsi: Papa Francesco

Commentando il passo del Vangelo in cui si racconta che «si aprirono i cieli» dopo il battesimo di Gesù nel Giordano, il Pontefice ha evidenziato: «Se i cieli rimangono chiusi, il nostro orizzonte in questa vita terrena è buio, senza speranza. Invece, celebrando il Natale, la fede ancora una volta ci ha dato la certezza che i cieli si sono squarciati con la venuta di Gesù». E, ha aggiunto, nel giorno del battesimo di Cristo «ancora contempliamo i cieli aperti. La manifestazione del Figlio di Dio sulla terra segna l'inizio del grande tempo della misericordia, dopo che il peccato aveva chiuso i cieli, elevando come una barriera tra l'essere umano e il suo Creatore». Con la nascita di Gesù «i cieli si aprono! Dio ci dà nel Cristo la garanzia di un amore indistruttibile. Da quando il Verbo si è fatto carne è dunque possibile vedere i cieli aperti. È stato possibile per i pastori di Betlemme, per i Magi d'Oriente, per il Battista, per gli Apostoli di Gesù, per santo Stefano».

Questo «è possibile anche per ognuno di noi, se ci lasciamo invadere dall'amore di Dio, che ci viene donato la prima volta nel Battesimo per mezzo dello Spirito Santo. Lasciamoci invadere dall'amore di Dio! Questo è il grande tempo della misericordia! Non dimenticatelo: questo è il grande tempo della misericordia!». Dopo il battesimo di penitenza, «Gesù riceve l'approvazione del Padre celeste, che l'ha inviato proprio perché accetti di condividere la nostra condizione, la nostra povertà». Infatti, «condividere è il vero modo di amare. Gesù non si dissocia da noi, ci considera fratelli e condivide con noi. E così ci rende figli, insieme con Lui, di Dio Padre. Questa è la rivelazione e la fonte del vero amore. E questo è il grande tempo della misericordia!». Poi una domanda: «Non vi sembra che nel nostro tempo ci sia bisogno di un supplemento di condivisione fraterna e di amore? Non vi sembra che abbiamo tutti bisogno di un supplemento di carità? Non quella che si accontenta dell'aiuto estemporaneo che non coinvolge, non mette in gioco, ma quella carità che condivide, che si fa carico del disagio e della sofferenza del fratello». «Quale sapore acquista la vita - ha esclamato il Papa -, quando ci si lascia inondare dall'amore di Dio!».

«Oggi un pensiero speciale vorrei rivolgerlo ai genitori che hanno portato i loro figli al Battesimo e a coloro che stanno preparando il Battesimo di un loro figlio», ha detto Papa Francesco, dopo la recita dell'Angelus, con i pellegrini giunti a piazza San Pietro. «Mi unisco alla gioia di queste famiglie, ringrazio con loro il Signore, e prego perché il Battesimo dei bambini aiuti gli stessi genitori a riscoprire la bellezza della fede e a ritornare in modo nuovo ai Sacramenti e alla comunità», ha aggiunto il Pontefice, che ha rivolto rivolgo a tutti il suo «saluto cordiale», in particolare «alle famiglie e ai fedeli venuti da diverse parrocchie d'Italia e da altri Paesi, come pure alle associazioni e ai vari gruppi».

Fonte: Sir

Media Gallery

http://youtu.be/WdtZPVFjKe8
Francesco, Angelus: «Questo è il grande tempo della misericordia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento