Vita Chiesa
stampa

Francesco, Messa a S. Marta: Dio gioisce quando un peccatore si salva

Il Dio dei cristiani è «un Dio che cammina per cercarci e ha una certa debolezza d'amore per quelli che si sono più allontanati, che si sono perduti». Lo ha detto il Papa, che nella messa celebrata oggi a Santa Marta ha messo l'accento sulla «gioia di Dio», che è «un Dio cui non piace perdere, non è un buon perdente e per questo, per non perdere, esce da sé e va, cerca.

Percorsi: Papa Francesco

È un Dio che cerca: cerca tutti quelli che sono lontani da Lui. Come il pastore, che va a cercare la pecora smarrita». Il lavoro di Dio - ha sottolineato il Papa - è "andare a cercare» per «invitare alla festa tutti, buoni e cattivi»: «Va' e li cerca. E come cerca? Cerca sino alla fine, come questo pastore che va nel buio, cercando, finché la trova; o come la donna, che quando perde quella moneta accende la lampada, spazza la casa e cerca accuratamente. Così cerca Dio. Questo è nostro Padre: sempre ci cerca». «La gioia di Dio non è la morte del peccatore, ma la sua vita: è la gioia», ha spiegato il Papa, secondo il quale la gente che al tempo di Gesù «mormorava» contro di lui, in realtà non lo conosceva: «Credevano che essere religiosi, che essere persone buone fosse andare sempre bene, anche educati e tante volte fare finta di essere educati». «Questa è l'ipocrisia della mormorazione», ha ammonito il Papa: invece, «la gioia del Padre, Dio, è quella dell'amore: ci ama».

Francesco, Messa a S. Marta: Dio gioisce quando un peccatore si salva
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento