Vita Chiesa
stampa

Francesco, Messa a S. Marta: «Il cristiano vinca la tentazione di farsi lupo»

«Non si può pensare a un cristiano fermo: un cristiano che rimane fermo è ammalato, nella sua identità cristiana, ha qualche malattia in quella identità. Il cristiano è discepolo per camminare, per andare». Lo ha detto stamattina Papa Francesco, nell'omelia della messa a Casa Santa Marta, nella festa dei Santi Patroni d'Europa, Cirillo e Metodio.

Percorsi: Papa Francesco

Dunque, «un primo atteggiamento dell'identità cristiana è camminare, e camminare anche se ci sono difficoltà, andare oltre le difficoltà». Un secondo aspetto «è che il cristiano deve rimanere sempre agnello». Il cristiano, ha riaffermato, «è un agnello, e deve conservare questa identità». Il Signore ci manda «come agnelli in mezzo ai lupi». «Come agnelli… Non diventare lupi… Perché, a volte, la tentazione ci fa pensare - ha osservato il Pontefice -: ‘Ma questo è difficile, questi lupi sono furbi e io sarò anche più furbo di loro, eh?'. Agnello. Non scemo, ma agnello. Agnello. Con l'astuzia cristiana, ma agnello sempre. Perché se tu sei agnello, Lui ti difende. Ma se tu ti senti forte come il lupo, Lui non ti difende, ti lascia solo, e i lupi ti mangeranno crudo». Terzo aspetto di questa identità è lo «stile del cristiano» che è «la gioia». I cristiani, ha affermato, «sono persone che esultano perché conoscono il Signore e portano il Signore».

Fonte: Sir
Francesco, Messa a S. Marta: «Il cristiano vinca la tentazione di farsi lupo»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento