Vita Chiesa
stampa

Francesco, Messa a S. Marta: «Il diavolo c'è anche nel XXI secolo»

Impariamo dal Vangelo a lottare contro le tentazioni del demonio. È l'invito fatto stamattina da Papa Francesco nella Messa a Casa Santa Marta.

Percorsi: Papa Francesco

«La vita di Gesù è stata una lotta. Lui è venuto a vincere il male, a vincere il principe di questo mondo, a vincere il demonio», ha spiegato. «Anche noi siamo tentati, anche noi siamo oggetto dell'attacco del demonio, perché lo spirito del Male non vuole la nostra santità, non vuole la testimonianza cristiana, non vuole che noi siamo discepoli di Gesù - ha aggiunto -. E come fa lo spirito del Male per allontanarci dalla strada di Gesù con la sua tentazione? La tentazione del demonio ha tre caratteristiche e noi dobbiamo conoscerle per non cadere nelle trappole». Innanzitutto, «la tentazione incomincia lievemente, ma cresce: sempre cresce. Secondo, cresce e contagia un altro, si trasmette ad un altro, cerca di essere comunitaria. E alla fine, per tranquillizzare l'anima, si giustifica. Cresce, contagia e si giustifica». Il Pontefice ha portato un esempio: «Abbiamo una tentazione che cresce: cresce e contagia gli altri. Pensiamo ad una chiacchiera, per esempio: io ho un po' di invidia per quella persona, per l'altra, e prima ho l'invidia dentro, solo, e bisogna condividerla e va da un'altra persona e dice: ‘Ma tu hai visto quella persona?' ...e cerca di crescere e contagia un altro e un altro».

Così il Santo Padre ha spiegato «il meccanismo delle chiacchiere», ricordando che «tutti noi siamo stati tentati di fare chiacchiere! Forse qualcuno di voi no, se è santo, ma anche io sono stato tentato di chiacchierare! È una tentazione quotidiana, quella. Ma incomincia così, soavemente, come il filo d'acqua. Cresce per contagio e alla fine si giustifica». Stiamo attenti, ha detto ancora il Pontefice, «quando, nel nostro cuore, sentiamo qualcosa che finirà per distruggere» le persone. «Stiamo attenti - ha rimarcato - perché se non fermiamo a tempo quel filo d'acqua, quando crescerà e contagerà sarà una marea tale che soltanto ci porterà a giustificarci male, come si sono giustificate queste persone», affermando che «è meglio che muoia un uomo per il popolo». In realtà, «tutti siamo tentati, perché la legge della vita spirituale, la nostra vita cristiana, è una lotta: una lotta. Perché il principe di questo mondo - il diavolo - non vuole la nostra santità, non vuole che noi seguiamo Cristo». «Qualcuno di voi, forse, non so, può dire: ‘Ma, Padre, che antico è lei: parlare del diavolo nel secolo XXI!'. Ma, guardate che il diavolo c'è! Il diavolo c'è. Anche nel secolo XXI! E non dobbiamo essere ingenui, eh? Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro di lui», ha concluso il Papa.

Francesco, Messa a S. Marta: «Il diavolo c'è anche nel XXI secolo»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento