Vita Chiesa
stampa

Francesco, Messa a S. Marta: accidia e formalismo in tanti cristiani

I cristiani anestetizzati non fanno bene alla Chiesa. È quanto sottolineato da Papa Francesco nella Messa di stamani a Casa Santa Marta.

Percorsi: Papa Francesco

Commentando il brano dell'incontro tra Gesù e il paralitico che, ammalato da 38 anni, stava sotto i portici presso la piscina aspettando la guarigione, il Papa ha invitato a riflettere su due malattie forti, spirituali. Innanzitutto la rassegnazione del malato, che è amareggiato e si lamenta: «Io penso a tanti cristiani, tanti cattolici: sì, sono cattolici ma senza entusiasmo, anche amareggiati! È la malattia dell'accidia, dell'accidia dei cristiani. Questo atteggiamento che è paralizzante dello zelo apostolico». In questo passo del Vangelo, ha detto il Papa, troviamo anche un altro peccato quando vediamo che Gesù viene criticato perché ha guarito il malato di sabato: il peccato del formalismo. «Cristiani - ha detto - che non lasciano posto alla grazia di Dio. E la vita cristiana, la vita di questa gente è avere tutti i documenti in regola, tutti gli attestati»: «Cristiani ipocriti, come questi. Soltanto interessavano loro le formalità. Ne abbiamo tanti nella Chiesa: ne abbiamo tanti». Il Papa ha invitato a conoscere queste due tentazioni, sottolineando che le due parole di Gesù - «vuoi guarire? non peccare più» - «dette con tenerezza, con amore», «sono più belle dell'atteggiamento dell'accidia o dell'atteggiamento dell'ipocrisia».

Fonte: Sir
Francesco, Messa a S. Marta: accidia e formalismo in tanti cristiani
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento