Vita Chiesa
stampa

Francesco all'Angelus, nuovo appello per la pace in Siria

Oggi all'Angelus Papa Francesco è lanciato un nuovo appello per la pace in Siria a dodici ore dalla veglia che ha radunato in piazza San Pietro 100 mila persone.

Percorsi: Pace - Papa Francesco - Siria

“A che serve fare guerre, tante guerre, se tu non sei capace di fare questa guerra profonda contro il male? - ha detto oggi Francesco - Non serve a niente! Non va… Questo comporta, tra l’altro, questa guerra contro il male comporta dire no all’odio fratricida e alle menzogne di cui si serve. Dire no alla violenza in tutte le sue forme. Dire no alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale. Ma ce n’è tanto! Ma ce n’è tanto!”.
E abbondante è anche quel “dubbio” che, obietta con realismo Papa Francesco, “rimane” quando qualcuno spinge per dare la parola alle armi:
“Questa guerra di là, questa di là, perché dappertutto ci sono guerre, è davvero una guerra per problemi o è una guerra commerciale per vendere queste armi nel commercio illegale?”.

Papa Francesco si è appellato alle coscienze di cristiani, non cristiani, uomini e donne di buona volontà, perché facciano una scelta di campo in favore della “logica del servizio”, “non seguendo altri interessi se non quelli della pace e del bene comune”. E a tutti costoro ha rinnovato il grazie col quale aveva concluso la sera precedente le quattro ore della Veglia per la pace: "Ma l’impegno continua: andiamo avanti con la preghiera e con opere di pace! Vi invito a continuare a pregare perché cessi subito la violenza e la devastazione in Siria e si lavori con rinnovato impegno per una giusta soluzione al conflitto fratricida”.
Quindi, come guardando a un drammatico atlante di guerra, Papa Francesco si è soffermato sui Paesi del Medio Oriente quasi uno ad uno. E ha pregato per il Libano, “perché trovi la desiderata stabilità e continui ad essere modello di convivenza”. Per l’Iraq, “perché la violenza settaria lasci il passo alla riconciliazione”. "Per il processo di pace tra Israeliani e Palestinesi, perché progredisca con decisione e coraggio". E  "per l’Egitto, affinché tutti gli Egiziani,musulmani e cristiani, si impegnino a costruire insieme la società per il bene dell’intera popolazione. La ricerca della pace -ha detto - è lunga, e richiede pazienza e perseveranza. Andiamo avanti con la preghiera”.
Prima di congedarsi dalla folla, Papa Francesco ha ricordato la Beatificazione di Maria Bolognesi, avvenuta ieri a Rovigo. “Spese tutta la sua vita – ha commentato – al servizio degli altri, specialmente poveri e malati, sopportando grandi sofferenze in profonda unione con la passione di Cristo. Rendiamo grazie a Dio per questa testimone del Vangelo”. Una serie di saluti sono stati indirizzati dal Papa ai vari gruppi presenti nella Piazza, tra cui i fedeli di Venezia, guidati dal patriarca mons. Francesco Moraglia.

Francesco all'Angelus, nuovo appello per la pace in Siria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento