Vita Chiesa
stampa

Francesco: l'amore di Dio vince anche le potenze demoniache

Papa Francesco ha celebrato oggi in san Pietro, una Messa in suffragio dei vescovi e dei cardinali deceduti nell'ultimo anno.

Percorsi: Papa Francesco

«Anche le potenze demoniache, ostili all'uomo, si arrestano impotenti di fronte all'intima unione d'amore tra Gesù e chi lo accoglie con fede». A garantirlo è stato il Papa, che nell'omelia della messa celebrata oggi, nella basilica di San Pietro, in suffragio dei cardinali e vescovi defunti nel corso dell'anno, è partito dalla lettera di San Paolo ai Romani per sottolineare che l'amore di Dio è «il motivo più profondo, invincibile, della fiducia e della speranza cristiane»; nonostante le «forze contrarie e misteriose che possono minacciare il cammino della fede». L'apostolo delle Genti, infatti, «afferma con sicurezza che se anche tutta la nostra esistenza è circondata da minacce, nulla potrà mai separarci dall'amore che Cristo stesso meritò per noi, donandosi totalmente». Una realtà, questa, che «ci aiuta ad affrontare con serenità e forza il cammino di ogni giorno, che a volte è spedito, a volte invece è lento e faticoso». «Solo il peccato dell'uomo può interrompere questo legame», ha detto il Papa, ma «anche in questo caso Dio lo cercherà sempre, lo rincorrerà per stabilire con lui un'unione che perdura anche dopo la morte, anzi, un'unione che nell'incontro finale con il Padre raggiunge il suo culmine». «Questa certezza - ha assicurato il Papa - conferisce un senso nuovo e pieno alla vita terrena ci apre alla speranza per la vita oltre la morte».

«Anche i nostri peccati sono nelle mani di Dio: quelle mani sono misericordiose, mani piagate d'amore», perché «Gesù ha voluto conservare le piaghe nelle sue mani per farci sentire la sua misericordia», ha proseguito il Papa nell'omelia. «Ogni volta che ci troviamo di fronte alla morte di una persona cara o che abbiamo conosciuto bene - ha detto Papa Francesco - sorge in noi la domanda: ‘Che cosa ne sarà della sua vita, del suo lavoro, del suo servizio alla Chiesa'». «Sono nelle mani di Dio», la risposta del Papa, tratta dal Libro della Sapienza: «Tutto di loro è ben custodito e non sarà corroso dalla morte. Sono nelle mani di Dio tutti i loro giorni intessuti di gioie e di sofferenze, di speranze e di fatiche, di fedeltà al Vangelo e di passione per la salvezza spirituale e materiale del gregge loro affidato». Questa «realtà, piena di speranza, è la prospettiva della resurrezione finale, della vita eterna»; ha ricordato il Papa, alla quale sono destinati «i giusti», cioè coloro che accolgono la Parola di Dio e sono docili al suo Spirito». Come i cardinali e i vescovi morti quest'anno, che il Papa ha definito «uomini dediti alla loro vocazione e al loro servizio alla Chiesa, che hanno amato come si ama una sposa».

«Preghiamo anche per noi: che il Signore ci prepari a questo incontro». Con queste parole, pronunciate a braccio, Papa Francesco ha terminato l'omelia della messa di suffragio per i cardinali e i vescovi defunti nel corso dell'anno, celebrata questa mattina nella basilica di san Pietro. «Non sappiamo la data, però l'incontro ci sarà», ha proseguito il Papa riferendosi al momento in cui ognuno di noi si ritroverà al cospetto di Dio, dopo la morte. Poco prima, Papa Francesco aveva affidato i cardinali e i vescovi morti quest'anno «alla misericordia del Signore, per intercessione della Madonna e di san Giuseppe, perché li accolga nel suo regno di luce e di pace, là dove vivono eternamente i giusti e coloro che sono tati fedeli testimoni del Vangelo».

Fonte: Sir
Francesco: l'amore di Dio vince anche le potenze demoniache
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento