Vita Chiesa
stampa

Giustizia e pace Europa: documento «contro il nazionalismo dell'esclusione»

Desta preoccupazione in Europa l'aumento di partiti e movimenti politici che inneggiano al «nazionalismo dell'esclusione», si scagliano contro il fenomeno della migrazione e propongono l'uscita dall'Unione europea come soluzione a tutti i problemi nazionali. È allarme razzismo e xenofobia e a lanciarlo è un documento presentato oggi da «Giustizia e Pace» (J&P) Europa, alleanza di 31 Commissioni di Giustizia e Pace nazionali.

Percorsi: Europa - Immigrati
Parole chiave: Giustizia e pace (11)

A presentarlo è monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo e presidente della rete europea J&P: «Numerosi - dice - sono coloro che, preoccupati per l'avvenire incerto, si lasciano convincere da parole semplicistiche e una propaganda diretta contro gli immigrati e l'Unione europea. Tuttavia esse non sono una risposta alle sfide complesse del nostro tempo per le quali non esiste un rimedio semplice. Al contrario, lo scopo di questi partiti e movimenti è semplicissimo: conquistare potere politico ed economico. Essi non servono né la causa dei poveri, né quella dei deboli o dei più svantaggiati».

Il documento - presentato oggi - è intitolato «Contro il nazionalismo dell'esclusione» e verrà inviato nelle prossime settimane ai deputati e ai responsabili politici. Da Bruxelles il segretariato generale di Giustizia e Pace Europa ha poi allertato le Commissioni nazionali perché avviino un «piano di azione» contro i programmi dei partiti nazionalisti e xenofobi. (segue) «Ciò che ci preoccupa - si legge nel testo - è la tendenza crescente a ricercare potere e popolarità grazie a programmi politici semplicisti e slogan forsennati che diffondono l'idea che la prosperità e la sicurezza non possano essere realizzati se non con misure nazionalistiche unilaterali e, se necessario, a detrimento degli altri popoli».

Ma - fa notare J&P - «non esiste risposta rapida e semplice a sfide strutturali profonde come sono quelle che pongono le nostre società plurali e un'economia mondializzata». Due le questioni particolarmente sollevate da Giustizia e Pace. La prima è la questione dell'immigrazione che ha sempre fatto parte dell'esistenza umana. «Ignorare questa realtà - si legge nel documento - e tentare di fermare ermeticamente le frontiere all'afflusso dei migrati è irrealistico e disumano».

Giustizia e Pace chiede, però, che la questione sia gestita a livello «internazionale ed europeo», condividendo «la responsabilità dell'accoglienza». Altra questione affrontata nel documento è l'Unione europea e il tentativo perseguito dai partiti nazionalisti di scaricare sull'Ue la responsabilità della crisi economica attuale, le ineguaglianze sociali e la disoccupazione. «Non c'è dubbio che l'Unione europea non è perfetta - si legge nel documento - ma resta pur sempre uno strumento di mantenimento della pace e di risoluzione dei conflitti sul nostro continente».

Fonte: Sir
Giustizia e pace Europa: documento «contro il nazionalismo dell'esclusione»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento