Vita Chiesa
stampa

Il Papa in Georgia: l’abbraccio con poveri, malati, anziani e disabili

Si chiama Centro di assistenza «Redemptor hominis» e si trova nel quartiere Temka, uno dei più difficili della periferia della capitale Tbilisi, con edifici e strutture stile sovietico, ed è in funzione dal 1998. Prima il poliambulatorio, poi, dal 2003 l’opera dei Camilliani per i disabili, e dal 2012 la creazione di un centro diurno rivolto alle persone diversamente abili. È qui che Francesco incontra gli assistiti e gli operatori delle opere di carità della Chiesa.

Centro di assistenza «Redemptor hominis» (Foto Sir)

«Nell’Unione sovietica non c’erano i disabili perché non potevano nascere, nel Paese della felicità, persone con disabilità. Spesso li lasciavano morire o venivano nascosti nelle case». Padre Pawel Dyl, superiore dei Camilliani in Georgia, accoglie Papa Francesco nel centro che l’ordine di San Camillo ha aperto nella capitale Tbilisi. Ed è qui che Francesco vedrà i volontari e quanti operano nella struttura. «La malattia – dice ancora padre Pawel – non è un castigo di Dio, come spesso alcuni predicano, ma la possibilità per tutti di avvicinarsi ai concetti di fratellanza, misericordia e compassione».

Si chiama Centro di assistenza «Redemptor hominis» e si trova nel quartiere Temka, uno dei più difficili della periferia della capitale, con edifici e strutture stile sovietico, ed è in funzione dal 1998. Prima il poliambulatorio, poi, dal 2003, l’opera dei Camilliani per i disabili, e dal 2012 la creazione di un centro diurno rivolto alle persone diversamente abili. Il complesso è stato voluto da Giovanni Paolo II, che ha visitato il Paese nel 1999, ed è stato realizzato dalla Caritas italiana e da altri organismi di volontariato cattolici.

Le persone che si rivolgono al centro sono per lo più poveri, malati, anziani e portatori di handicap. Un’opera che ha avuto anche il compito di accogliere quanti si sono trovati ai margini della società in un Paese uscito a pezzi dopo la fine dell’Unione sovietica e ferito da una guerra civile e da due conflitti armati nelle zone separatiste dell’Abcasia e dell’Ossezia del sud, di cui ancora si avvertono le conseguenze e non solo per la presenza di profughi che sono stati costretti a lasciare le loro case.

Fonte: Sir
Il Papa in Georgia: l’abbraccio con poveri, malati, anziani e disabili
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento