Vita Chiesa
stampa

Media vaticani: «C9» propone riforma in quattro anni e nuovo dicastero

Altro argomento preso in esame dall'ultima riunione del Consiglio dei cardinali è la riorganizzazione dei mezzi di comunicazione sociale del Vaticano.

Parole chiave: C9 (17), Federico Lombardi (142)
L'account twitter del Papa

«Un progetto di riforma realizzabile in quattro anni, che prevede la salvaguardia del personale e una graduale integrazione delle istituzioni». È la proposta presentata dal «C9» per i media della Santa Sede, dopo aver ascoltato la relazione tenuta da monsignor Dario E. Viganò, direttore del Centro Televisivo Vaticano e presidente della Commissione per i mezzi di comunicazione vaticani istituita dal Papa il 23 aprile scorso.

I membri del Consiglio di cardinali - ha riferito padre Lombardi nel briefing di oggi - ha espresso «unanime apprezzamento per lo studio della fattibilità svolto dalla medesima Commissione», partendo dalle analisi e dai report della McKinsey e delle precedenti Commissioni.

La proposta del «C9» prevede, «nei prossimi mesi», la costituzione di un apposito Dicastero e «le nomine necessarie per l’avvio del processo». Il progetto di riforma e il nuovo Dicastero, ha spiegato padre Lombardi rispondendo alle domande dei giornalisti, «riguarda l’insieme dei media della Santa Sede e gestisce il processo di graduale integrazione, per arrivare ad un nuovo assetto». Le istituzioni coinvolte sono il Pontificio Consiglio per le comunicazioni sociali, la sala stampa vaticana, la Radio Vaticana, il Centro televisivo vaticano, L’Osservatore Romano, il Servizio Fotografico, la Libreria Editrice Vaticana, la Tipografia Vaticana e l’Ufficio Internet.

Fonte: Sir
Media vaticani: «C9» propone riforma in quattro anni e nuovo dicastero
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento