Vita Chiesa
stampa

Odine di Malta, Fra' Matthew Festing: «L'identità del cristiano al centro di grandi scontri»

«La questione dell'identità è sempre più al centro di grandi scontri, che sperimentiamo in molti dei settori in cui operiamo, non importa se il Paese sia ricco o povero». Lo ha detto questa mattina a Roma Fra' Matthew Festing, gran maestro del Sovrano Ordine di Malta, nel corso del tradizionale incontro d'inizio anno con gli ambasciatori dei 104 Paesi con i quali l'Ordine intrattiene relazioni diplomatiche bilaterali.

Parole chiave: oRDINE DI mALTA (4)

L'incontro è stato occasione per illustrare i principali interventi medico-umanitari svolti nel 2013 dalla Malteser International, l'agenzia di soccorso internazionale dell'Ordine, in aiuto delle emergenze umanitarie. «La maggior parte delle persone - ha proseguito il gran maestro - è alla ricerca di riferimenti culturali, identità territoriale, punti di riferimento religiosi, valori spirituali, del buon governo delle istituzioni nazionali e internazionali. Allo stesso tempo, la globalizzazione ha i suoi limiti, assistiamo a un ritorno degli Stati» che «richiede anche un ritorno dei diplomatici, perché la diplomazia è lo strumento preferito degli Stati. La diplomazia di oggi si esprime in vari modi: oltre alla diplomazia tradizionale, vi è una diplomazia culturale, una diplomazia economica, e anche una diplomazia umanitaria. E c'è naturalmente la diplomazia della Santa Sede, la più antica e la più ricercata».

Sono oltre 120 i Paesi nei quali l'Ordine offre assistenza medica e umanitaria grazie ai sui 13.500 membri e 80.000 volontari permanenti. Il 2013, ha ricordato il gran maestro, è stato l'anno delle grandi emergenze internazionali: il tifone Haiyan nelle Filippine, per il quale l'Ordine ha raccolto 5 milioni di euro, e soprattutto la guerra civile in Siria con i suoi milioni di rifugiati. In Libano, Turchia e Bulgaria l'Ordine di Malta ha intrapreso una «forte collaborazione» con partner multiconfessionali, dimostrando la propria «capacità di dialogare con religioni diverse». Fra' Festing ha inoltre ricordato l'impegno decennale dell'Ordine in Africa, e in particolare nella Repubblica Centrafricana, nel Sud Sudan, in Mali e nella Repubblica Democratica del Congo. Il gran maestro ha anche sottolineato l'impegno costante, fuori dall'emergenza, nei confronti delle minoranze come quella Rom, per la quale l'Ordine ha nominato un Ambasciatore at Large che cooordina le attività di cooperazione nel quadro di istruzione, occupazione, sanità e alloggio. Riferendosi al suo recente intervento alla Conferenza generale dell'Unesco, Fra' Matthew Festing ha aggiunto come «la tutela del patrimonio religioso dovrebbe essere vista come un elemento vitale nel promuovere la stabilità sociale, nel costruire la pace e nell'emergere da situazioni di crisi, nonché una garanzia per lo sviluppo sociale, ambientale e di quello economico e sostenibile».

Fonte: Sir
Odine di Malta, Fra' Matthew Festing: «L'identità del cristiano al centro di grandi scontri»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento