Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Angelus: «Denaro, piacere, successo abbagliano, ma poi deludono»

«Tre scene, scandite da tre sguardi di Gesù»: le ha illustrate, ieri, Papa Francesco all’Angelus, commentando il Vangelo di Marco.

Percorsi: Papa Francesco
Angelus del Papa (Foto Sir)

La prima scena è l’incontro di Gesù con un giovane, che gli chiede cosa fare per avere in eredità la vita eterna: «Vita eterna», ha spiegato, «non è solo la vita dell’aldilà, ma è la vita piena, compiuta, senza limiti». Che cosa dobbiamo fare per raggiungerla? «La risposta di Gesù riassume i comandamenti che si riferiscono all’amore verso il prossimo. Al riguardo quel giovane non ha nulla da rimproverarsi»; ma evidentemente l’osservanza dei precetti «non soddisfa il suo desiderio di pienezza». E Gesù intuisce «questo desiderio che il giovane porta nel cuore; perciò la sua risposta si traduce in uno sguardo intenso pieno di tenerezza e di affetto». Gesù «gli fa una proposta concreta: dare tutti i suoi beni ai poveri e seguirlo. Quel giovane però ha il cuore diviso tra due padroni: Dio e il denaro, e se ne va triste. Questo dimostra che non possono convivere la fede e l’attaccamento alle ricchezze. Così, alla fine, lo slancio iniziale del giovane si smorza nella infelicità di una sequela naufragata». Nella seconda scena «l’evangelista inquadra gli occhi di Gesù, e stavolta si tratta di uno sguardo pensoso, di avvertimento», quando dice: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!».

Allo stupore dei discepoli, «Gesù risponde con uno sguardo di incoraggiamento - è il terzo sguardo - e dice: la salvezza è, sì, ‘impossibile agli uomini, ma non a Dio!’. Se ci affidiamo al Signore, possiamo superare tutti gli ostacoli che ci impediscono di seguirlo nel cammino della fede. Affidarsi al Signore». Nella terza scena Gesù dichiara che chi lascia tutto per seguirlo avrà la vita eterna nel futuro e il centuplo già nel presente: «Questo ‘centuplo’ è fatto dalle cose prima possedute e poi lasciate, ma che si ritrovano moltiplicate all’infinito. Ci si priva dei beni e si riceve in cambio il godimento del vero bene; ci si libera dalla schiavitù delle cose e si guadagna la libertà del servizio per amore; si rinuncia al possesso e si ricava la gioia del dono». Per il Papa, «solo accogliendo con umile gratitudine l’amore del Signore ci liberiamo dalla seduzione degli idoli e dalla cecità delle nostre illusioni. Il denaro, il piacere, il successo abbagliano, ma poi deludono: promettono vita, ma procurano morte. Il Signore ci chiede di distaccarci da queste false ricchezze per entrare nella vita vera, la vita piena, autentica, luminosa». E ha domandato ai giovani, ragazzi e ragazze, in piazza: «Avete sentito lo sguardo di Gesù su di voi? Che cosa volete rispondergli? Preferite lasciare questa piazza con la gioia che ci dà Gesù o con la tristezza nel cuore che la mondanità ci offre?».

Fonte: Sir

Media Gallery

http://youtu.be/anNExmq9y-o
Papa Francesco, Angelus: «Denaro, piacere, successo abbagliano, ma poi deludono»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento