Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa a S. Marta: «Esame di coscienza» pratica «antica ma buona»

L'esame di coscienza «è una grazia, perché custodire il nostro cuore è custodire lo Spirito Santo, che è dentro di noi». Lo ha detto Papa Francesco nell'omelia della Messa di questa mattina a Santa Marta.

Percorsi: Papa Francesco

«Quante volte - ha osservato il Papa - entrano i cattivi pensieri, le cattive intenzioni, le gelosie, le invidie. Tante cose, che entrano. Ma chi ha aperto quella porta? Da dove sono entrati? Se io non mi accorgo» di quanto «entra nel mio cuore, il mio cuore diviene una piazza, dove tutti vanno e vengono» e dove «il Signore non può parlare e nemmeno essere ascoltato». «Avere un cuore raccolto, un cuore sul quale noi sappiamo cosa succede», ha precisato Bergoglio, è possibile facendo «la pratica tanto antica della Chiesa, ma buona: l'esame di coscienza». E ha chiesto: «Chi di noi, la sera, prima di finire la giornata, rimane da solo, da sola, e si fa la domanda: cosa è accaduto oggi nel mio cuore? Cosa è successo? Che cose sono passate attraverso il mio cuore?». «Per custodire, per vigilare, perché non entrino i demoni, bisogna saper raccogliersi, cioè stare in silenzio davanti a se stessi e davanti a Dio, e alla fine della giornata domandarsi: ‘Cosa è accaduto oggi nel mio cuore? È entrato qualcuno che non conosco? La chiave è a posto?'. E questo ci aiuterà a difenderci da tante cattiverie, anche da quelle che noi possiamo fare, se entrano questi demoni, che sono furbissimi, e alla fine ci truffano tutti».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa a S. Marta: «Esame di coscienza» pratica «antica ma buona»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento