Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa, nella dialettica tra «grande» e «piccolo» c’è la tenerezza di Dio

Nella «dialettica» tra «grande» e «piccolo» c’è la tenerezza di Dio. Lo ha spiegato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, in cui ha spiegato che il nostro Dio è padre e madre, è «il Dio grande che si fa piccolo e nella sua piccolezza non smette di essere grande. Il grande che si fa piccolo e il piccolo che è grande». 

Percorsi: Papa Francesco
Messa a Santa Marta (Foto Sir)

«Il Natale ci aiuta a capire questo», ha proseguito Francesco: «In quella mangiatoia… il Dio piccolo. Mi viene in mente una frase di san Tommaso, nella prima parte della Somma. Volendo spiegare questo: ‘Cosa è divino? Cosa è la cosa più divina?’, dice: ‘Non coerceri a maximo contineri tamen a minimo divinum est’, cioè non spaventarsi delle cose grandi, ma tenere conto delle cose piccole. Questo è divino, tutti e due insieme». «Io sono capace di parlare con il Signore così o ho paura? Ognuno risponda», l’invito del Papa. Poi la possibile obiezione: «Ma qualcuno può dire, può domandare: ‘Ma qual è il luogo teologico della tenerezza di Dio? Dove si può trovare bene la tenerezza di Dio? Qual è il posto dove si manifesta meglio la tenerezza di Dio?'». «La piaga», la risposta: «Le mie piaghe, le tue piaghe, quando si incontra la mia piaga con la sua piaga. Nelle loro piaghe siamo stati guariti».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa, nella dialettica tra «grande» e «piccolo» c’è la tenerezza di Dio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento