Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa: no ai «controllori» della salvezza

Guardarsi dai dottori della legge che accorciano gli orizzonti di Dio e rendono «piccolo» il suo amore. È uno dei passaggi dell’omelia del Papa nella Messa a Santa Marta, in cui ha messo in guardia dalla tentazione di voler essere «controllori» della salvezza.

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco a Santa Marta (Foto Sir)

«Una delle cose più difficili da capire è la gratuità della salvezza in Gesù Cristo», ha detto il Papa. Gesù, in particolare, si accanisce contro i dottori della legge, che «pensavano che rispettando tutti i comandamenti ci si poteva salvare, e chi non faceva quello era un condannato». Così, «accorciavano gli orizzonti di Dio e facevano l’amore di Dio piccolo, piccolo». Certo, ha osservato il Papa, ci sono i comandamenti, ma la sintesi di tutto è «amare Dio e amare il prossimo». Solo così «siamo all’altezza della gratuità della salvezza, perché l’amore è gratuito. Per questo Gesù dice: ‘L’amore più grande è questo: amare Dio con tutta la vita, con tutto il cuore, con tutta la forza, e il prossimo come te stesso’. Perché è l’unico comandamento che è all’altezza della gratuità della salvezza di Dio. E aggiunge: ‘In questo comandamento ci sono tutti gli altri, perché quello chiama tutti gli altri’». Questa lotta per il controllo della salvezza continua ancora oggi, ha ammonito Francesco, ricordando i 500 anni della nascita di Santa Teresa d’Avila. Una mistica, una donna, cui «il Signore ha dato la grazia di capire gli orizzonti dell’amore».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa: no ai «controllori» della salvezza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento