Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: «Siamo chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle»

«L’amore fra uomo e donna è evidentemente tra le esperienze umane più generative, è fermento della cultura dell’incontro e porta al mondo attuale un’iniezione di socialità: davvero “il bene della famiglia è decisivo per il futuro del mondo e della Chiesa”». Lo ha affermato questa mattina Papa Francesco in un videomessaggio ai partecipanti al III simposio sull’Amoris laetitia dedicato al tema «Il Vangelo dell’amore tra coscienza e norma» organizzato dall’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia della Cei.

Percorsi: Famiglia - Papa Francesco
Papa Francesco (Foto Sir)

«Il tema – ha osservato il Papa – è di grande rilievo e può illuminare il percorso che le Chiese in Italia stanno compiendo, anche per rispondere al desiderio di famiglia che emerge nell’animo delle giovani generazioni». Secondo il Papa, «proprio la famiglia nata dal matrimonio genera legami fecondi, che risultano l’antidoto più efficace all’individualismo dilagante». «Tuttavia – ha proseguito Francesco – nel cammino dell’amore coniugale e della vita familiare ci sono situazioni che richiedono scelte ardue, da compiere con rettitudine». Infatti, «nella realtà domestica a volte si presentano nodi concreti da affrontare con coscienza prudente da parte di ciascuno». Per questo «è importante che gli sposi, i genitori non siano lasciati soli, ma accompagnati nell’impegno di applicare il Vangelo nella concretezza della vita».

«Siamo chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle», ha ricordato Papa Francesco. «Il mondo contemporaneo – ha ammonito il Papa – rischia di confondere il primato della coscienza, che è sempre da rispettare, con l’autonomia esclusiva dell’individuo rispetto alle relazioni che vive». «Questa prospettiva – ha aggiunto – non è innocua: essa plasma un soggetto che si guarda continuamente allo specchio, sino a diventare incapace di rivolgere gli occhi verso gli altri e il mondo».

E «la diffusione di questo atteggiamento ha conseguenze gravissime per tutti gli affetti e i legami della vita». Secondo il Papa, «è questo un ‘inquinamento' che corrode gli animi e confonde le menti e i cuori, producendo false illusioni». «Nell’intimo di ciascuno vi è un luogo dove il Mistero si rivela e illumina la persona rendendola protagonista della sua storia. La coscienza – ricorda il Concilio Vaticano II, è questo “nucleo più segreto e il sacrario dell’uomo, dove egli è solo con Dio, la cui voce risuona nell’intimità”».

«Al cristiano – ha evidenziato il Papa – spetta vigilare affinché in questa sorta di tabernacolo non manchi la grazia divina, che illumina e fortifica l’amore coniugale e la missione genitoriale». Con il miracolo delle nozze di Cana, ha notato il Papa, «Gesù indica in particolare la medicina della misericordia, che guarisce la durezza del cuore, risanando i rapporti tra marito e moglie e tra genitori e figli». Papa Francesco ha concluso auspicando che «questo simposio possa aiutare la Chiesa in Italia ad assimilare e sviluppare i contenuti e lo stile di Amoris laetitia; possa contribuire alla formazione degli animatori dei gruppi familiari nelle parrocchie, nelle associazioni, nei movimenti; possa sostenere il cammino di tante famiglie, aiutandole a vivere la gioia del Vangelo e ad essere cellule attive nella comunità».

Fonte: Sir
Papa Francesco: «Siamo chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento