Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: a Christian World Communions, «quando i terroristi perseguitano i cristiani» non fanno distinzioni

«Quando i terroristi o le potenze mondiali perseguitano le minoranze cristiane o i cristiani, quando fanno questo non si domandano: ‘Ma tu sei luterano? Tu sei ortodosso? Tu sei cattolico? Tu sei riformato? Tu sei pentecostale?’, no. ‘Tu sei cristiano’. Loro riconoscono uno solo: il cristiano». Lo ha detto il Papa, nel discorso pronunciato oggi interamente a braccio e rivolto ai partecipanti alla Conferenza dei Segretari del «Christian World Communions», organizzazione internazionale di incontro di famiglie di Chiese con comuni radici teologiche e storiche, ricevuti nell’Auletta Paolo VI prima dell’udienza generale in piazza San Pietro.

Papa Francesco: a Christian World Communions, «quando i terroristi perseguitano i cristiani» non fanno distinzioni

«Il nemico non sbaglia, sa bene riconoscere dove è Gesù», ha proseguito Francesco descrivendo «l’ecumenismo del sangue»: «Oggi ne siamo testimoni, e penso ai frati ortodossi copti sgozzati sulle spiagge della Libia per esempio: sono nostri fratelli. Loro hanno dato testimonianza di Gesù e sono morti dicendo: ‘Gesù aiutami!’. Con il nome: hanno confessato il nome di Gesù». «Ecumenismo della preghiera, ecumenismo del cammino ed ecumenismo del sangue», i tre binari attorno a cui si è articolato il discorso del Papa. «Gesù è con noi, Gesù è in cammino con noi», ha esordito Francesco: «Queste cose mi fanno riflettere e mi pongono due domande: io sono capace di credere che Gesù è con noi? Io sono capace di camminare con tutti, insieme, anche con Gesù? Tante volte pensiamo che il lavoro ecumenico è soltanto quello dei teologi. Per questo è importante che i teologi studino, si mettano d’accordo ed esprimano il disaccordo. Ma, nel frattempo,  l’ecumenismo si fa in cammino. E in cammino con Gesù, non con il mio Gesù contro il tuo Gesù, ma con il nostro Gesù». «Il cammino è semplice: si fa con la preghiera e con l’aiuto agli altri», ha spiegato il Papa soffermandosi sull’ecumenismo della preghiera, «gli uni per gli altri e tutti per l’unità». Infine, c’è «l’ecumenismo del lavoro per tanti bisognosi, per tanti uomini e donne che oggi soffrono ingiustizie, guerre… queste cose terribili. Tutti insieme dobbiamo aiutare. La carità verso il prossimo. Questo è ecumenismo. Questa è già unità. Unità in cammino con Gesù», ha concluso Francesco.

Fonte: Sir
Papa Francesco: a Christian World Communions, «quando i terroristi perseguitano i cristiani» non fanno distinzioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento