Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco a Santa Marta: no a «elites» che «privatizzano la salvezza»

Non «privatizzare» la fede chiudendosi in «élites» che disprezzano gli altri. È l’insegnamento odierno di Papa Francesco, secondo quanto ha affermato nella Messa a Casa a Santa Marta. «Gesù - ha detto il Papa - ci ha salvati tutti, ma non genericamente. Tutti, ma ognuno, con nome e cognome. E questa è la salvezza personale».

Percorsi: Papa Francesco

Però “c’è il pericolo di dimenticare che Lui ci ha salvato singolarmente, ma in un popolo”, ovvero “non c’è una salvezza soltanto per me”. “Se io capisco la salvezza così - ha spiegato Bergoglio - sbaglio; sbaglio strada. La privatizzazione della salvezza è una strada sbagliata”. Tre i criteri per non privatizzare la salvezza: “La fede in Gesù che ci purifica”, la speranza che “ci fa guardare le promesse e andare avanti” e “la carità: cioè prestiamo attenzione gli uni agli altri, per stimolarci a vicenda nella carità e nelle opere buone”. Da Papa Francesco, quindi, un monito alle “élites ecclesiali”, gruppetti che “disprezzano gli altri; disertano dalla comunità totale; disertano dal popolo di Dio”. Costoro “hanno privatizzato la salvezza”, ritenendo che sia “per me e per il mio gruppetto, ma non per tutto il popolo di Dio”. Non è così: “Dio - ha sottolineato il Papa - ci salva in un popolo, non nelle élites, che noi con le nostre filosofie o il nostro modo di capire la fede abbiamo fatto”.

Fonte: Comunicato stampa
Papa Francesco a Santa Marta: no a «elites» che «privatizzano la salvezza»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento