Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: a Santa Marta, non si spenga mai nel nostro cuore la nostalgia di Dio

La gioia del Signore è la nostra forza, in Lui troviamo la nostra identità. È uno dei passaggi dell’omelia di Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta nella festa di Santa Teresa di Lisieux particolarmente cara a Bergoglio.

Percorsi: Papa Francesco
Messa a Santa Marta

Il Pontefice ha sottolineato che mai in un cristiano deve spegnersi la nostalgia di Dio, altrimenti il nostro cuore non può far festa. Papa Francesco ha preso spunto dalla Prima Lettura, tratta dal Libro di Neemia, per offrire la sua riflessione su cosa dà sostanza all’identità di un cristiano. Il Pontefice ha rammentato che, anche negli anni a Babilonia, il popolo sempre ricordava la propria patria. Dopo tanti anni, ha osservato, arriva finalmente il giorno del ritorno, della ricostruzione di Gerusalemme e, come narra la Prima Lettura, Neemia chiede allo scriba Esdra di leggere davanti al popolo il Libro della Legge. Il popolo è felice: «era gioioso ma piangeva, e sentiva la Parola di Dio». Come si spiega questo?, si è chiesto Francesco: «Semplicemente, questo popolo non soltanto aveva trovato la sua città, la città dov’era nato, la città di Dio, questo popolo al sentire la Legge, trovò la sua identità»: «La nostra identità si perde nel cammino, si perde in tante deportazioni o autodeportazioni nostre, quando facciamo un nido qua, un nido là, un nido… e non nella casa del Signore. Trovare la propria identità».

«Quando tu hai perso quello che era tuo, la tua casa, quello che era proprio tuo - ha rilevato il Papa - ti viene questa nostalgia e questa nostalgia ti porta di nuovo a casa tua». E questo popolo, ha aggiunto, «con questa nostalgia, ha sentito che era felice e piangeva di felicità per questo, perché la nostalgia della propria identità lo aveva portato a trovarla. Una grazia di Dio»: «Se noi - un esempio - siamo pieni di cibo, non abbiamo fame. Se noi siamo comodi, tranquilli dove stiamo, non abbiamo bisogno di andare altrove. E io mi domando, e sarebbe bene che tutti noi ci domandassimo oggi: ‘Sono tranquillo, contento, non ho bisogno di niente - spiritualmente, parlo - nel mio cuore? La mia nostalgia si è spenta?’ Guardiamo questo popolo felice, che piangeva ed era gioioso. Un cuore che non ha nostalgia, non conosce la gioia. E la gioia, proprio, è la nostra forza: la gioia di Dio. Un cuore che non sa cosa sia la nostalgia, non può fare festa». Il popolo, ha rammentato Francesco, esulta con grande gioia perché aveva «compreso le parole che erano state loro proclamate. Avevano trovato quello che la nostalgia gli faceva sentire e andare avanti»: «Chiediamoci come è la nostra nostalgia di Dio: siamo contenti, stiamo felici così, o tutti i giorni abbiamo questo desiderio di andare avanti? Che il Signore ci dia questa grazia: che mai, mai, mai, si spenga nel nostro cuore la nostalgia di Dio».

Fonte: Sir
Papa Francesco: a Santa Marta, non si spenga mai nel nostro cuore la nostalgia di Dio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento