Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco a corpo diplomatico: strage Parigi nasce da «cultura che rigetta l'altro»

La strage di Parigi nasce da «una cultura che rigetta l'altro, recide i legami più intimi e veri, finendo per sciogliere e disgregare tutta quanta la società e per generare violenza e morte».

Lo ha detto il Papa, che ha iniziato il tradizionale discorso di inizio d'anno al Corpo diplomatico con una parola: «Pace!», come «prezioso dono di Dio» e nello tesso tempo come «responsabilità personale e sociale». Partendo dal presepe, Francesco ha parlato di «cuore indurito dell'umanità, che fatica ad accogliere il Bambino». Segno che «c'è un indole del rifiuto che ci accomuna, che induce a non guardare al prossimo come ad un fratello da accogliere, ma a lasciarlo fuori dal nostro personale orizzonte di vita, a trasformarlo piuttosto in un concorrente, in un suddito da dominare».

È la «cultura dello scarto», che «non risparmia niente e nessuno» e dalla quale «nasce un'umanità ferita e continuamente lacerata da tensioni e conflitti di ogni sorta». Ad una «dimensione personale del rifiuto», ha spiegato il Papa, «si associa inevitabilmente una dimensione sociale», una «cultura che rigetta l'altro»: come nella strage di Parigi, in cui gli altri vengono visti come «oggetti» e l'essere umano «diventa schiavo» anche di «forme fuorviate di religione». Alla radice c'è «un cuore corrotto, incapace di vedere e operare il bene, di perseguire la pace».

Fonte: Sir
Papa Francesco a corpo diplomatico: strage Parigi nasce da «cultura che rigetta l'altro»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento