Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: ai battezzati, «il pianto di un bambino è la voce di Dio»

«È bello guardare tanti bambini, vedere tanti… Un bambino sempre dice una parola con il suo essere speranza, un bambino sempre va avanti, ci porta al futuro, no? È un seme di futuro: nel bambino ci sono tante cose, e voi, genitori - ma questo non potete dirlo, è una cosa segreta di ognuno di voi - ma quante volte pensate al bambino: ‘Eh, questo diventerà tale cosa, tale altra, tale altra nella vita…', e questo è bello, pensare il futuro, perché è una preghiera». Lo ha detto ieri Papa Francesco, nell'incontro con i bambini battezzati nell'ultimo anno, nella sua visita alla parrocchia di San Giuseppe all'Aurelio.

Percorsi: Bambini - Papa Francesco
Parole chiave: Battesimo (18)

Infatti, ha spiegato, «è dire a Dio: ‘Ma, custodisci il mio bambino, la mia bambina per il futuro'. Nel bambino, nella bambina ci sono le speranze nostre, lì; noi diamo loro una fiaccola di fede, di vita e loro la porteranno avanti ai loro figli, ai loro nipoti… E così è la vita». E nel battesimo, «voi avete dato la fede, avete trasmesso la fede mediante il Sacramento, ma dopo tanti anni loro faranno lo stesso con i loro figli, e così la fede dal tempo di Gesù a oggi è come una catena che viene trasmessa dai genitori. E questa è una bella responsabilità, eh? Non dimenticate mai il giorno del Battesimo, non dimenticate mai!».

Il Papa ha poi chiesto: «Quanti di voi sapete il giorno del vostro battesimo? No, non dite niente, non dite niente… Ma, se non lo sapete, andate a cercarlo: chiamate la zia, la mamma, la madrina: ‘Ma, quando sono stato battezzato? Quando sono stato battezzato?', perché è un giorno di festa, quello: è il giorno dove noi abbiamo trovato, incontrato Gesù», per la prima volta. E «questo è il compito per casa. Quando io sono stato battezzato? E quello è bello, è bello! Io - ha ricordato Francesco - sono stato battezzato il giorno di Natale, proprio! Otto giorni dopo la mia nascita, proprio lì, perché in quel tempo c'era l'abitudine - almeno, in Argentina - di battezzare il bambino otto giorni dopo la nascita, no? Ma, ricordate sempre questo». Il Pontefice ha assicurato di «pregare per i presenti»: «Che abbiate gioia, gioia con questi bambini, eh? La gioia nella casa, la gioia nella speranza, tante gioie». Infine, dopo aver chiesto di pregare per lui, perché, ha detto ne «ho bisogno», ha voluto fare una precisazione: «I bambini piangono, fanno rumore, vanno da una parte e dall'altra… e a me dà tanto fastidio quando in chiesa un bambino piange e la gente vuol che se ne vada fuori: no! È la migliore predica! Il pianto di un bambino è la voce di Dio! Eh? Mai, mai cacciarli via dalla Chiesa: davvero! Grazie tante!»

Fonte: Sir
Papa Francesco: ai battezzati, «il pianto di un bambino è la voce di Dio»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento