Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: ai media cattolici del Brasile, «Uscite» nel mondo digitale

«È necessario che nel mondo digitale l'annuncio del Vangelo sia seguito dall'offerta di un incontro personale con Cristo, un incontro reale e trasformatore», perché «il continente digitale, prima di essere una mera realtà tecnologica, è innanzitutto un luogo di incontro tra uomini e donne le cui aspirazioni e le cui sfide non sono virtuali, ma reali e hanno bisogno di una risposta concreta».

È quanto scrive il Papa, in un messaggio, a firma del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, inviato ai partecipanti al quarto Congresso nazionale della pastorale delle comunicazioni sociali (Pascom) del Brasile, iniziato giovedì scorso nel santuario mariano di Aparecida, sul tema: «Comunicazione, sfide e opportunità per evangelizzare nell'era della cultura digitale». L'incontro, a cui è collegato il secondo Seminario nazionale dei giovani comunicatori, si tiene nell'anniversario della visita di Francesco in Brasile per la Gmg di Rio de Janeiro, all'inizio della quale il Papa sostò proprio nel Santuario di Aparecida. Citando l'omelia della Messa del 27 luglio nella cattedrale carioca, Francesco esorta a «non restare chiusi nella parrocchia, nelle nostre comunità, nella nostra istituzione parrocchiale o nella nostra istituzione diocesana, quando tante persone sono in attesa del Vangelo! Uscire inviati. Non è semplicemente aprire la porta perché vengano, per accogliere, ma è uscire dalla porta per cercare e incontrare».

«Nessun cammino - scrive il Papa nel messaggio - può, né deve, essere precluso a chi, in nome di Cristo risorto, s'impegna a diventare sempre più solidale con l'uomo; con il Vangelo in mano e nel cuore, è necessario riaffermare che è tempo di continuare a preparare cammini che conducano alla Parola di Dio, non trascurando di rivolgere un'attenzione particolare a chi ancora vive in una fase di ricerca». Una pastorale nel mondo digitale è quindi «chiamata a tener conto anche di coloro che non credono, sono caduti nello sconforto e coltivano nel cuore il desiderio di assoluto e di verità non effimere, dato che i nuovi media permettono di entrare in contatto con seguaci di tutte le religioni, con non credenti e persone di tutte le culture». In questa prospettiva, chi opera nel settore dei media, in particolare della pastorale della comunicazione, è spronato «a unirsi, con fiducia e con creatività consapevole e responsabile, alla rete di rapporti che l'era digitale ha reso possibile». Ai comunicatori brasiliani, in particolare, Papa Francesco indica alcune piste: fare in modo di «imparare il linguaggio particolare di questo ‘areopago'» e riconoscere «il primato della persona».

Fonte: Sir
Papa Francesco: ai media cattolici del Brasile, «Uscite» nel mondo digitale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento