Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco al Pisai: «Antidoto alla violenza è l’educazione»

«L’antidoto più efficace contro ogni forma di violenza è l’educazione alla scoperta e all’accettazione della differenza come ricchezza e fecondità». Lo ha detto questa mattina Papa Francesco incontrando i membri del Pontificio Istituto di Studi Arabi e d’Islamistica (Pisai) al termine di un convegno organizzato per commemorare il 50° dell’apertura a Roma dell’Istituto, nato nel 1926 in Tunisia per opera dei Missionari d’Africa. 

Percorsi: Islam - Papa Francesco

Nel suo intervento il Papa ha definito il Pisai un Istituto «molto prezioso» che «ha bisogno di essere ancora più conosciuto» perché diventi «sempre più un punto di riferimento per la formazione dei cristiani che operano nel campo del dialogo interreligioso». Riguardo allo specifico del dialogo con l’Islam, il Papa ha esortato a «non cadere nei lacci di un sincretismo conciliante ma, alla fine, vuoto e foriero di un totalitarismo senza valori. Un comodo approccio accomodante, ‘che dice sì a tutto per evitare i problemi’, finisce per essere ‘un modo di ingannare l’altro’». Il dialogo, soprattutto quello interreligioso, esige una conoscenza approfondita dei «fondamenti» della nostra fede perché - ha detto Francesco - «quando ci accostiamo a una persona che professa con convinzione la propria religione, la sua testimonianza e il suo pensiero ci interpellano e ci portano a interrogarci sulla nostra stessa spiritualità».

Il passo da compiere - ha poi detto il Papa - è quello dell’«incontro» da cui «si genera la prima conoscenza dell’altro» superando «i pregiudizi e le falsità». La storia del Pisai è sempre andata in questa direzione. «Non si limita ad accettare quanto viene detto superficialmente, dando luogo a stereotipi e preconcetti. Il lavoro accademico, frutto di quotidiana fatica, va a indagare le fonti, a colmare le lacune, ad analizzare l’etimologia, a proporre un’ermeneutica del dialogo e, attraverso un approccio scientifico ispirato allo stupore e alla meraviglia, è capace di non perdere la bussola del mutuo rispetto e della stima reciproca. Con queste premesse, ci si avvicina all’altro in punta di piedi senza alzare la polvere che annebbia la vista».

Da qui la gratitudine di Papa Francesco per i 50 anni di vita del Pisai e alla «grande opera dei Missionari d’Africa» che «dimostrano quanto la Chiesa universale, nel clima di rinnovamento post-conciliare, abbia compreso l’incombente necessità di un istituto esplicitamente dedicato alla ricerca e alla formazione di operatori del dialogo con i musulmani». Concludendo: «Forse mai come ora si avverte tale bisogno».

Fonte: Sir
Papa Francesco al Pisai: «Antidoto alla violenza è l’educazione»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento