Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa Divina Misericordia: liberare il mondo da tutte le schiavitù

«Il Vangelo è il libro della misericordia di Dio, da leggere e rileggere», e noi siamo chiamati a «scrivere quelle pagine del Vangelo» che non sono state scritte. Lo ha detto il Papa, nell’omelia della messa celebrata ieri in piazza San Pietro per il Giubileo della Divina Misericordia.

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco (Foto Sir)

«Non tutto, però, è stato scritto», ha proseguito: «Il Vangelo della misericordia rimane un libro aperto, dove continuare a scrivere i segni dei discepoli di Cristo, gesti concreti di amore, che sono la testimonianza migliore della misericordia». «Siamo tutti chiamati a diventare scrittori viventi del Vangelo, portatori della Buona Notizia a ogni uomo e donna di oggi», l’invito di Francesco: «Lo possiamo fare mettendo in pratica le opere di misericordia corporale e spirituale, che sono lo stile di vita del cristiano. Mediante questi gesti semplici e forti, a volte perfino invisibili, possiamo visitare quanti sono nel bisogno, portando la tenerezza e la consolazione di Dio. Si prosegue così quello che ha compiuto Gesù nel giorno di Pasqua, quando ha riversato nei cuori dei discepoli impauriti la misericordia del Padre, effondendo su di loro lo Spirito Santo che perdona i peccati e dona la gioia». A volte, però, può sorgere «una lotta interiore tra la chiusura del cuore e la chiamata dell’amore ad aprire le porte chiuse e uscire da noi stessi»: è in questi momenti, per il Papa, che bisogna «spalancare le porte chiuse del cuore», seguendo la strada che Gesù ci indica: «Uscire da noi stessi», verso «un’umanità spesso ferita e timorosa, che porta le cicatrici del dolore e dell’incertezza».

La misericordia, ha proseguito il Papa, «non si ferma a distanza: desidera venire incontro a tutte le povertà e liberare dalle tante forme di schiavitù che affliggono il nostro mondo. Vuole raggiungere le ferite di ciascuno, per medicarle».  Ha poi spiegato che «essere apostoli di misericordia significa toccare e accarezzare le sue piaghe, presenti anche oggi nel corpo e nell’anima di tanti suoi fratelli e sorelle. Curando queste piaghe professiamo Gesù, lo rendiamo presente e vivo; permettiamo ad altri, che toccano con mano la sua misericordia, di riconoscerlo Signore e Dio, come fece l’apostolo Tommaso. È questa la missione che ci viene affidata». «Tante persone chiedono di essere ascoltate e comprese», l’analisi di Francesco: «Il Vangelo della misericordia, da annunciare e scrivere nella vita, cerca persone con il cuore paziente e aperto, buoni samaritani che conoscono la compassione e il silenzio dinanzi al mistero del fratello e della sorella; domanda servi generosi e gioiosi, che amano gratuitamente senza pretendere nulla in cambio». La pace che Cristo porta ai suoi discepoli, per Francesco, è «la stessa pace che attendono gli uomini del nostro tempo»: «Non è una pace negoziata, non è la sospensione di qualcosa che non va: è la sua pace, la pace che proviene dal cuore del Risorto, la pace che ha vinto il peccato, la morte e la paura. È la pace che non divide, ma unisce; è la pace che non lascia soli, ma ci fa sentire accolti e amati; è la pace che permane nel dolore e fa fiorire la speranza. Questa pace, come nel giorno di Pasqua, nasce e rinasce sempre dal perdono di Dio, che toglie l’inquietudine dal cuore».

Fonte: Sir
Papa Francesco: liberare il mondo da tutte le schiavitù
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento