Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco nelle Filippine: ai giovani, «imparate a piangere e amare»

«Vorrei che noi tutti insieme, voi giovani come lei, pregassimo in silenzio un minuto e poi invochiamo la nostra Madre del cielo». Una preghiera per Kristel, la volontaria di 27 anni, morta mentre stava per iniziare la Messa a Tacloban: l'ha chiesta, ieri, Papa Francesco nell'incontro con i giovani nel campus dell'università Santo Tomas, a Manila. Anche in quest'occasione il Pontefice ha parlato a braccio in spagnolo (testo integrale), non leggendo il discorso preparato in inglese.

Dopo aver ricordato che «le donne hanno molto da dirci nella società di oggi» e suggerito che «quando verrà il prossimo Papa a Manila, ci siano più donne», il Santo Padre rispondendo alla domanda di una ragazzina - perché i bambini soffrono? - ha osservato che «c'è una compassione mondana che non serve a niente!». Certe realtà della vita «si vedono soltanto con gli occhi puliti dalle lacrime». Di qui l'invito: «Impariamo a piangere». Perché «se voi non imparate a piangere non siete buoni cristiani». Francesco ha poi messo in guardia dal «rischio di diventare ‘giovani-museo' e non giovani sapienti», pur essendo «iper-informati». Ma per diventare sapienti occorre «imparare ad amare!», Non serve «solo accumulare informazioni e non sapere che farsene. È un museo. Ma attraverso l'amore far sì che questa informazione sia feconda». Per questo scopo il Vangelo ci propone di «usare i tre linguaggi» della «mente», del «cuore» e delle «mani».

«Il vero amore è amare e lasciarmi amare. È più difficile lasciarsi amare che amare. Per questo è tanto difficile arrivare all'amore perfetto di Dio», ha sostenuto Francesco, che ha aggiunto: «Lasciamoci sorprendere da Dio! E non abbiamo la psicologia del computer di credere di sapere tutto. Com'è questa cosa? Un attimo e il computer ti dà tutte le risposte, nessuna sorpresa. Nella sfida dell'amore Dio si manifesta con delle sorprese». E ha incoraggiato: «Non abbiate paura delle sorprese, che ti scuotono, ti mettono in crisi, ma ci mettono in cammino. Il vero amore ti spinge a spendere la vita anche a costo di rimanere a mani vuote. Pensiamo a san Francesco: lasciò tutto, morì con le mani vuote ma con il cuore pieno». Ricapitolando, «non giovani da museo, ma giovani sapienti. Per essere sapienti, usare i tre linguaggi: pensare bene, sentire bene e fare bene. E per essere sapienti, lasciarsi sorprendere dall'amore di Dio, e vai, e spendi la vita!». Ancora, il Papa ha invitato a «imparare a mendicare da quelli a cui diamo. Questo non è facile da capire: imparare a mendicare. Imparare a ricevere dall'umiltà di quelli che aiutiamo. Imparare ad essere evangelizzati dai poveri», «imparare a tendere la mano a partire dalla propria miseria». C'è poi «la sfida dell'integrità morale» e «del prendersi cura dell'ambiente». Infine, «c'è la sfida per i poveri. Amare i poveri».

Verso le ore 12 di ieri mattina, appena rientrato alla Nunziatura, a Manila, nelle Filippine, Papa Francesco ha incontrato il padre della volontaria Kristel Mae Padasas, di 27 anni, morta sabato a causa della caduta di un ponteggio della struttura allestita per la Messa all'aeroporto di Tacloban, divelto dalla furia delle raffiche di vento. Il padre della giovane era accompagnato da un cugino. Il colloquio commovente è durato oltre 20 minuti, con il cardinale Luis Antonio Gokim Tagle come interprete. Sul tavolo due bellissime foto della giovane e di lei piccola con i genitori. Il padre ha detto che era rimasto sconvolto ma che si era consolato pensando che la figlia aveva potuto preparare l'incontro della gente con Papa. Si è cercato di telefonare alla madre a Hong Kong ma non si è riusciti. La madre arriverà oggi a Manila.

Fonte: Sir
Papa Francesco nelle Filippine: ai giovani, «imparate a piangere e amare»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento