Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: nuove forme di schiavitù «crimine gravissimo»

Il mondo deve dotarsi di leggi efficaci che colpiscano chi alimenta il «crimine gravissimo» delle nuove forme di schiavitù. È la richiesta che Papa Francesco ha avanzato durante l’udienza alla plenaria della Pontificia Accademia delle scienze sociali, in corso in Vaticano sul tema della tratta degli esseri umani. 

Papa Francesco: nuove forme di schiavitù «crimine gravissimo»

Il Pontefice, al cospetto degli esperti che in questi giorni stanno discutendo in Vaticano della tratta di persone, ha denunciato: «Ho dichiarato più volte che queste nuove forme di schiavitù - traffico di esseri umani, lavoro forzato, prostituzione, commercio di organi - sono crimini gravissimi, una piaga nel corpo dell’umanità contemporanea». «Purtroppo, in un sistema economico globale dominato dal profitto - ha aggiunto -, si sono sviluppate nuove forme di schiavitù in certo modo peggiori e più disumane di quelle del passato». Innanzitutto, «dobbiamo far prendere più consapevolezza di questo nuovo male che, nel mondo globale, si vuole occultare perché scandaloso e ‘politicamente scorretto’. A nessuno piace riconoscere che nella propria città, nel proprio quartiere pure, nella propria regione o nazione ci sono nuove forme di schiavitù, mentre sappiamo che questa piaga riguarda quasi tutti i Paesi». È una questione di coscienza sociale, «specialmente per quanto riguarda la legislazione nazionale e internazionale».

«Si dovrebbero cercare le modalità più idonee per penalizzare quanti si rendono complici di questo mercato disumano - ha sostenuto il Papa -. Siamo chiamati a migliorare le modalità di riscatto e di inclusione sociale delle vittime, aggiornando anche le normative sul diritto di asilo. Deve aumentare la consapevolezza delle autorità civili circa la gravità di tale tragedia, che costituisce un regresso dell’umanità. E tante volte - tante volte! - queste nuove forme di schiavitù sono protette dalle istituzioni che devono difendere la popolazione da questi crimini». La conclusione di Francesco è stata un appello alla compassione dei cristiani. Tante donne e uomini nella Chiesa, ha ricordato, hanno lottato contro le schiavitù della loro epoca e il riscatto delle vittime - San Pietro Claver, San Giovanni de Matha - e il loro esempio, ha sottolineato, «è la conseguenza diretta del messaggio di libertà portato al mondo da Cristo con la sua pienezza di grazia, verità e amore», con il «protocollo delle Beatitudini»: «La luce del Vangelo è guida per chiunque si pone al servizio della civiltà dell’amore, dove le Beatitudini hanno una risonanza sociale, dove c’è una reale inclusione degli ultimi. Bisogna costruire la città terrena alla luce delle Beatitudini, e così camminare verso il Cielo in compagnia dei piccoli e degli ultimi».

Fonte: Sir
Papa Francesco: nuove forme di schiavitù «crimine gravissimo»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento