Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, udienza: «il cammino della misericordia va dal cuore alle mani»

Il Papa ha tenuto oggi l’udienza generale nell’Aula Paolo VI in Vaticano dedicando la catechesi al tema: «La consolazione per una mamma» commentando il brano del Vangelo secondo Luca sulla risurrezione del figlio della vedova di Nain. Tra i presenti anche i partecipanti al Campo internazionale dell’Opera per la gioventù «Giorgio La Pira», al Villaggio «La Vela» di Castiglione della Pescaia. Nel suo saluto il Papa ha detto: «saluto i giovani dell’Opera Giorgio La Pira di Firenze, provenienti da diverse parti del mondo. Auguro a tutti di vivere questo Anno Santo Straordinario, promuovendo la cultura dell’incontro, riconoscendo la presenza della carne del Signore particolarmente nei poveri e nei bisognosi».

Il Papa all'udienza di oggi in Aula Paolo VI (Foto Sir)

«Varcare la Porta Santa, la Porta della Misericordia», ricordando il brano del Vangelo di Luca in cui viene raccontato «un miracolo di Gesù veramente grandioso: la risurrezione di un ragazzo». Sarebbe questa «una buona cosa». Lo ha affermato Papa Francesco durante la catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta come la scorsa settimana nell’Aula Paolo VI.

Il «cuore» di questo episodio del Vangelo, accaduto sulla porta di Nain, «non è il miracolo – ha spiegato il Papa – ma la tenerezza di Gesù verso la mamma di questo ragazzo. La misericordia prende qui il nome di grande compassione verso una donna che aveva perso il marito e che ora accompagna al cimitero il suo unico figlio. È questo grande dolore di una mamma che commuove Gesù e lo provoca al miracolo della risurrezione». Infatti, ha aggiunto Francesco, «quando Gesù vide quella madre in lacrime, essa entrò nel suo cuore!». Da qui l’attualizzazione con il Giubileo della misericordia. «Alla Porta Santa – ha ricordato il Pontefice – ognuno giunge portando la propria vita, con le sue gioie e le sue sofferenze, i progetti e i fallimenti, i dubbi e i timori, per presentarla alla misericordia del Signore. Stiamo sicuri che, presso la Porta Santa, il Signore si fa vicino per incontrare ognuno di noi, per portare e offrire la sua potente parola consolatrice: ‘Non piangere!’».

La Porta Santa «è la Porta dell’incontro tra il dolore dell’umanità e la compassione di Dio», ha ricordato il Papa. Commentando l’episodio del Vangelo, accaduto sulla porta di Nain, quando Gesù compie il miracolo della risurrezione di un ragazzo morto perché mosso a compassione dalle lacrime della madre, Francesco ha spiegato che «varcando la soglia» della Porta Santa «noi compiamo il nostro pellegrinaggio dentro la misericordia di Dio che, come al ragazzo morto, ripete a tutti: ‘Dico a te, alzati!’. La parola potente di Gesù può farci rialzare e operare anche in noi il passaggio dalla morte alla vita. La sua parola ci fa rivivere, dona speranza, rinfranca i cuori stanchi, apre a una visione del mondo e della vita che va oltre la sofferenza e la morte. Sulla Porta Santa è inciso per ognuno l’inesauribile tesoro della misericordia di Dio!».

«Specialmente nel Giubileo – ha ricordato ancora il Papa - , la madre Chiesa riceve i suoi figli riconoscendo in loro la vita donata dalla grazia di Dio. È in forza di tale grazia, la grazia del Battesimo, che la Chiesa diventa madre e che ciascuno diventa suo figlio». Sempre commentando l’episodio del Vangelo, accaduto sulla porta di Nain, quando Gesù compie il miracolo della risurrezione di un ragazzo morto perché mosso a compassione dalle lacrime della madre, Francesco ha spiegato che «di fronte al ragazzo tornato in vita e restituito alla madre, ‘tutti furono presi da timore e glorificavano Dio dicendo’: ‘Un grande profeta è sorto tra noi’ e ‘Dio ha visitato il suo popolo’. Quanto Gesù ha fatto non è dunque solo un’azione di salvezza destinata alla vedova e al suo figlio, o un gesto di bontà limitato a quella cittadina. Nel soccorso misericordioso di Gesù, Dio va incontro al suo popolo, in Lui appare e continuerà ad apparire all’umanità tutta la grazia di Dio». Per questo – l’attualizzazione del brano del Vangelo con l’Anno Santo della misericordia – «celebrando questo Giubileo, che ho voluto fosse vissuto in tutte le Chiese particolari e non solo a Roma, è come se tutta la Chiesa sparsa nel mondo si unisse nell’unico canto di lode al Signore. Anche oggi la Chiesa riconosce di essere visitata da Dio». Perciò, ha aggiunto il Papa, «avviandoci alla Porta della Misericordia, ognuno sa di avviarsi alla porta del cuore misericordioso di Gesù: è Lui infatti la vera Porta che conduce alla salvezza e ci restituisce a una vita nuova». Ed ecco la conclusione che ha il sapore dell’impegno: «La misericordia, sia in Gesù sia in noi, è un cammino che parte dal cuore per arrivare alle mani… alle opere di misericordia».

Salutando i pellegrini di lingua italiana il Papa ha poi esclamato: «È la Chiesa in uscita: il cammino della misericordia che va dal cuore alle mani. Fate questo cammino!». «Ho detto che la misericordia è un cammino che va dal cuore alle mani – ha sintetizzato Francesco -. Nel cuore, noi riceviamo la misericordia di Gesù, che ci dà il perdono di tutto, perché Dio perdona tutto e ci solleva, ci dà la vita nuova e ci contagia con la sua compassione. Da quel cuore perdonato e con la compassione di Gesù, incomincia il cammino verso le mani, cioè verso le opere di misericordia». Il Papa ha dunque raccontato: «Mi diceva un vescovo, l’altro giorno, che nella sua cattedrale e in altre chiese ha fatto porte di misericordia di entrata e di uscita. Io ho chiesto: ‘Perché hai fatto questo?’ – ‘Perché una porta è per entrare, chiedere il perdono e avere la misericordia di Gesù; l’altra è la porta della misericordia in uscita, per portare la misericordia agli altri, con le nostre opere di misericordia’. Ma è intelligente questo vescovo! Anche noi – l’invito di Francesco – facciamo lo stesso con il cammino che va dal cuore alle mani: entriamo in chiesa per la porta della misericordia, per ricevere il perdono di Gesù, che ci dice ‘Alzati! Vai, Vai!’; e con questo ‘vai!’ – in piedi – usciamo per la porta di uscita».

All’udienza nell’Aula Paolo VI hanno preso parte anche gli oltre cento partecipanti al Campo internazionale, promosso come ogni anno dall’Opera per la Gioventù «Giorgio La Pira» al Villaggio «La Vela» di Castiglione della Pescaia e che vede la presenza, oltre che di giovani italiani, anche di giovani ortodossi provenienti dalla Russia, di ebrei, musulmani e cristiani dalla Palestina e da Israele, oltre che giovani di alcuni paesi africani. Nel gruppo anche alcuni musulmani italiani con il presidente dell'Ucoii Izzedin Elzir, presenza ormai fissa al Campo internazionale. Al termine dell'udienza Francesco ha poi voluto salutare personalmente 13 di questi giovani, appartenenti alle varie nazionalità e fedi.

Fonte: Sir
Papa Francesco, udienza: «il cammino della misericordia va dal cuore alle mani»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento