Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: visita al Centro Sant’Alessio – Margherita di Savoia per i ciechi

Nel pomeriggio di oggi, Papa Francesco si è recato a far visita agli ospiti del Centro regionale Sant’Alessio – Margherita di Savoia per i ciechi, a Roma. L’Istituto, inizialmente denominato «Cristoforo Colombo», realizza attività volte all’inclusione sociale dei non vedenti e degli ipovedenti. Lo rende noto un comunicato della Sala stampa vaticana. «Con questa visita, il Papa vuole dare seguito ai cosiddetti ‘Venerdì della misericordia’, visite private compiute durante il Giubileo della Misericordia, una volta al mese, ripercorrendo le opere di misericordia spirituali e corporali nei confronti di quanti vivono situazioni di esclusione fisica e sociale», precisa la nota.

La visita del Papa al Centro Sant'Alessio (Foto Sir)

Nel corso della visita odierna, informa il comunicato, il Papa ha incontrato «gli ospiti della struttura, persone con una disabilità sensoriale legata all’uso della vista, non vedenti dalla nascita o a seguito di gravi patologie e alcuni con pluridisabilità. Tra loro, anche circa 50 bambini, che frequentano il Centro per ricevere una formazione speciale che li aiuti nei piccoli gesti quotidiani, e 37 anziani e adulti, residenti fissi presso la struttura». Al suo arrivo, il Papa è stato «accolto dal presidente del Centro, Amedeo Piva, e dal direttore generale, Antonio Organtini, anche lui divenuto non vedente nel corso della vita, oltre che da tutto il personale medico e volontario in servizio». Nel corso della sua visita, il Santo Padre ha lasciato «un dono all’Istituto e firma la pergamena per la Cappella del Centro, a ricordo dell’incontro». Il rientro del Papa in Vaticano era previsto per le ore 18 circa.

«È stata una grande sorpresa e una corsa all’abbraccio del Papa. Francesco è rimasto qui un’ora e mezza e non ha fatto alcun discorso. Ha salutato e abbracciato tutti dando messaggi diversificati ai bambini e agli anziani». Lo ha detto il presidente del Centro regionale Sant’Alessio-Margherita di Savoia per i ciechi, Amedeo Piva, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, commentando la visita a sorpresa di Papa Francesco nel pomeriggio. «Noi dirigenti – ha rivelato Piva – lo sapevamo da un giorno e mezzo. E in questo tempo abbiamo dovuto comunicare della visita del Papa ai nostri ospiti ma anche alle famiglie e ai ragazzi. In questa residenza sono ospitate 35 persone che svolgono la riabilitazione. Ma per il Sant’Alessio ogni giorno passano anche oltre 80 giovani e bambini con difficoltà gravi alla vista. Il Papa oggi li ha incontrati a sorpresa. Erano stati convocati per una riunione con il direttore, sono venuti con grande attesa e hanno ricevuto una bella sorpresa. Alcuni bimbi sono rimasti talmente sorpresi dalla corona del Rosario regalata dal Papa che gli hanno chiesto: ‘Possiamo usarlo come collana ? Altri adulti ciechi hanno invece chiesto al Papa un sostegno per recuperare la serenità».

«Il Sant’Alessio qui a Roma – ha aggiunto Piva – è un centro per ciechi nato 149 anni e fondato da Pio IX. Un tempo era una scuola per ragazzi ciechi dove si imparava anche il mestiere. Oggi con l’abolizione delle scuole speciali, si è trasformato in un centro di riabilitazione per minori e adulti». Al termine della visita è stato fatto al Papa un dono speciale: «Ho regalato al Papa – ha raccontato Aldo Giannico – il mio libro di cucina scritto in braille. E gli ho anche regalato una copia di un’icona che sta a Santa Maria a Trastevere».

Fonte: Sir
Papa Francesco: visita al Centro Sant’Alessio – Margherita di Savoia per i ciechi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento